220920 commento gorlero regionali

1839 preferenze e il 15,14% al Partito Democratico non sono valsi un posto in consiglio regionale al candidato Andrea Gorlero.

“A livello generale è un riconoscimento della vittoria del presidente uscente Toti che, a mio modo di vedere, va messa in relazione con l’emergenza covid e la sua gestione – dice Gorlero. Indubbiamente vi sono stati anche degli errori da parte nostra, ritengo comunque che un risultato complessivo vicino al 40% non sia assolutamente disprezzabile”.

Per ciò che concerne la provincia di Imperia, Gorlero spiega: “C’è la soddisfazione dell’elezione di un consigliere regionale nella persona di Enrico Ioculano che ha compiuto un miracolo nel ponente con oltre 3 mila voti nel comprensorio di Ventimiglia. Significa un radicamento politico e sociale veramente notevole. Per me invece c’è il rammarico, in quella zona, di non aver potuto o saputo interloquire. Non vi è stata la possibilità con l’identificazione di un territorio con il suo candidato. I miei 1839 voti sono tutti sudati, non sono bastati a essere eletti ma hanno contribuito al risultato complessivo”.

“Ora occorrerà essere opposizione non disfattista, ma che contribuisca a trovare delle soluzioni. Non sono deluso dal risultato del partito. Sono deluso sicuramente dalla coalizione e non sono contento del mio risultato personale, pensavo di ottenere qualche preferenza in più. Il mondo non finisce oggi”.

L’intervista completa ad Andrea Gorlero nel videoservizio di Riviera Time.

Articolo precedenteImperia, riaperte le iscrizioni per il corso di somministrazione alimenti e bevande della Confesercenti
Articolo successivoAl via il nuovo anno di Scienze del turismo al Polo Universitario di Imperia