Da sinistra: Carlo Bagnasco, Filippo Bistolfi, Claudio Scajola, Ada Cassini

È stata presentata questa mattina a Ventimiglia l’alleanza che vede l’avvicinamento di Polis, movimento fondato dal sindaco di Imperia Claudio Scajola, e Forza Italia in vista delle elezioni regionali del 20 e 21 settembre.

I due schieramenti correranno in provincia di Imperia con un’unica lista che vede anche la presenza di Liguria Popolare (LP). I candidati saranno infatti: Patrizia Badino (FI), Ada Cassini Bistolfi (FI), Luigi Sappa (Polis) e Antonio Bissolotti (LP).

Quello di Polis è un avvicinamento già annunciato e che arriva al termine di una serie di incontri tra il fondatore Scajola e i dirigenti di Forza Italia tra cui Carlo Bagnasco coordinatore regionale, Simone Baggioli coordinatore provinciale e l’on. Giorgio Mulè portavoce di Forza Italia.

Alla conferenza stampa erano presenti il primo cittadino della città capoluogo, Bagnasco e Filippo Bistolfi recentemente nominato vice coordinatore regionale.

Il sindaco ed ex ministro Scajola ha dichiarato: “È un progetto importante condiviso da Berlusconi e che ha l’obiettivo di riaffermare, nell’ambito del centrodestra, il centro per scongiurare una deriva populista. Il nostro obiettivo è ovviamente quello di sostenere la ricandidatura del presidente Giovanni Toti, ma vogliamo far crescere la percentuale dei moderati all’interno della coalizione. Vogliamo far riavvicinare chi non si riconosce più nella politica, basando la nostra proposta sui tradizionali valori di Forza Italia: l’Europa, il garantismo, la moderazione, l’equilibrio, l’affermazione dei fatti concreti e delle persone.”

Non sono mancate delle frecciate al movimento Cambiamo con Toti. “Hanno aderito a Cambiamo molti di Forza Italia, esponenti che hanno abbandonato il moderatismo che ci contraddistingue. Chi rappresenta i moderati e questi valori è la nostra lista,” ha dichiarato.

“Forza Italia è stata violentata e usata come un taxi per arrivare in Regione,” hanno aggiunto Bagnasco e Bistolfi, che hanno però chiarito come da coordinatori del partito il loro giudizio non può essere che questo, ma comunque si correrà insieme perché “lealmente Forza Italia ha sempre sostenuto Toti.”

Quello di Scajola è un riavvicinamento a un partito che, nella sua carriera politica, ha contribuito a far crescere ricoprendo anche il ruolo di coordinatore nazionale a fine anni ’90.

La conferenza stampa è stata principalmente l’occasione di presentare la candidata alle regionali di Ada Cassini, ventimigliese madre di Filippo Bistolfi. Inevitabile un riferimento sulle candidature all’interno della lista. Bistolfi doveva, infatti, essere tra i candidati ma ha accettato di fare un passo indietro in nome del progetto.

Scajola ha spiegato: “La legge elettorale recentemente approvata ha inserito la doppia preferenza di genere costringendo, nella nostra Provincia, a inserire due candidati uomini e due candidate donne. Inizialmente si ipotizzava una lista con due candidati di FI e due di Polis, poi è arrivato l’accordo tra Forza Italia e Liguria Popolare inserendo un terzo soggetto nell’alleanza: da qui le problematiche. Noi avremmo voluto fare un ragionamento basato sulla maggiore efficacia delle candidature in termini di voti, altri hanno preferito un ragionamento basato sulla rappresentanza. Con un gesto nobile Filippo ha fatto un passo indietro. Si è ragionato su come potesse essere rappresentata la sua storia? Abbiamo pensato ad Ada Cassini che conosciamo da tanto tempo e non è semplicemente la mamma di Bistolfi, ma una professionista e una persona stimata.”

Il coordinatore Bagnasco ha aggiunto: “Ringrazio Filippo e Ada per l’importante contributo che stanno dando a questo progetto. Filippo è sempre stato in Forza Italia, è sempre stato fedele ai valori e al progetto. È un super candidato che la scorsa tornata, con 2200 voti, è stato il primo dei non eletti. Non sarebbe stato un ‘tappa buchi’, ha fatto un gesto importante che noi tutti apprezziamo, compreso Berlusconi.”

Sulle aspettative di FI alle urne ha aggiunto: “Sono stato incaricato da Berlusconi di fare il coordinatore regionale in un momento difficile per Forza Italia. In pochissimi mesi, insieme a uno dei sindaci più stimati della Liguria (Claudio Scajola ndr) abbiamo ricostruito un percorso. Oggi abbiamo 5 sedi importanti, gli iscritti continuano ad aumentare, in tantissimi vogliono candidarsi, ma non ci sono abbastanza posti. Questo perché credono nel progetto e nel riaffermarsi, alle prossime elezioni, di Forza Italia. Siamo a un passo da Fratelli d’Italia dai sondaggi.”

Intervista ad Ada Cassini Bistolfi e Filippo Bistolfi

180820 presentazione ada cassini bistolfi

Il mio – ha spiegato Bistolfi – è stato un gesto di responsabilità per la costruzione di un qualcosa di più grande. Io sono convinto che nel giro di qualche anno diventeremo la maggioranza del centrodestra. Ne sono intimamente sicuro. C’è sempre più necessità di un progetto che guardi alla competenza, al merito, al moderatismo… non a parole, ma nei gesti. Forza Italia è sempre stata custode di questi valori.”

A chiudere la conferenza stampa è stata proprio Ada Cassini che ha commentato: “Sono emozionata e orgogliosa di questa candidatura, ma ne sento molto la responsabilità. Voglio portare in Regione la nostra voce, la voce dei cittadini, degli imprenditori, degli agricoltori, i professioni, gli operatori del turismo.”

“Come mamma – ha aggiunto – mi sento felice di poter contribuire per rappresentare anche giovani. Non ci sono opportunità di lavoro e tante mamme devono lasciare i propri figli andare lontano. Dobbiamo creare opportunità reali e concrete.”