Ferruccio Sansa

Il candidato presidente della Regione Liguria Ferruccio Sansa ha presentato questa mattina il documento “Prendersi cura della Liguria”, una sintesi del programma della coalizione in materia di sanità e territorio. Con lui, l’oncologo Massimo Costantini, direttore scientifico dell’Ircss di Reggio Emilia, che ha coordinato il gruppo di studio di professionisti della sanità che ha collaborato alla stesura del programma.

“Girando la Liguria in questi giorni – ha spiegato Sansa – sto ascoltando migliaia di cittadini e il problema più ricorrente che mi viene prospettato è quello dello smantellamento della sanità pubblica. Chi governa male la sanità, governa male la Regione, anche considerando che si tratta della quota nettamente preponderante del bilancio. Noi proponiamo una rivoluzione totale, cambieremo la sanità portandola vicino alle persone, facendo in modo che tutti, e non solo chi ha il denaro per farlo, possano rivolgersi ai servizi 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana. Per questo progetto abbiamo messo insieme un gruppo di lavoro di una trentina di persone, professionisti del settore: medici, infermieri, oss, tecnici”.

Al fianco di Sansa, Massimo Costantini ha illustrato il metodo di lavoro che ha portato al programma: “Uno stile di governo che non si ferma con il giorno del voto. Un processo che richiede ascolto e partecipazione, prima di decidere, come succede in altri paesi, in Inghilterra, ad esempio. Abbiamo il dovere etico di dare risposte ai cittadini che, con l’impoverimento di categorie di persone sempre più vaste, stanno rinunciando a curarsi. Le disuguaglianze purtroppo rischiano di accentuarsi nei prossimi mesi. Il nostro non è un libro dei sogni: ovviamente ci sono situazioni in cui è previsto un intervento immediato, ad esempio il carico dei pronto soccorso, mentre in altri casi la prospettiva sarà sui 5 anni di mandato”. 

Articolo precedenteRegionali 2020, incontro tra il candidato Luigi Sappa e il presidente della provincia Domenico Abbo: “Abbiamo condiviso alcune priorità di cui si dovrà occupare la Regione nei prossimi cinque anni”
Articolo successivoAl Museo Bicknell l’incontro “550 anni di storia e vita di Bordighera”