Dopo la notizia della rinuncia per problemi finanziari ai campionati di Serie A1 femminile e A2 maschile, la Rari Nantes Imperia 57 scrive ai propri atleti e tifosi:

Ciao Ragazze, ciao Ragazzi, sono ore molto difficili e le decisioni prese sono state dolorose. 

Scelte che purtroppo hanno portato alla rinuncia dei campionati che avevamo diritto a disputare.

E’ un momento di profondo rammarico soprattutto perchè abbiamo deluso Voi e i Tifosi; gli impegni, gli sforzi del Direttivo non sono riusciti a invertire una situazione già critica. 

L’affetto e la stima per Voi rimangono immensi: Vi abbiamo visto crescere, esultare, piangere, lavorare e adesso Vi saremo accanto più che mai per assecondare ogni scelta. Sperando che nel Vostro futuro verrà ancora scritta la parola: IMPERIA.

 Il fallimento (parola tanto abusata in questi giorni) non è un’ombra o una paura ma solo una menzogna di chi non ha provato un minimo di dolore per queste decisioni. La nostra stagione ripartirà da campionati di categoria inferiore e i giovani atleti locali saranno al centro del progetto. Con l’obiettivo di creare un solido gruppo imperiese. Ora la palla passa a voi. 
Con la consapevolezza che le Vostre gesta alla Cascione, comunque, non verranno mai dimenticate.

Cari Tifosi, in questi giorni siete rimasti al centro dei nostri pensieri. Mai avete fatto mancare il Vostro supporto e ci rattrista non poterVi dare l’emozione di un confronto con squadre blasonate. 

 Ora più che mai, le Ragazze e i Ragazzi hanno bisogno del Vostro affetto. 

Come detto, ripartiremo da campionati inferiori ma nessuno toglierà il primato al pubblico più bello d’Italia che ogni week-end ha riempito la Cascione con bandieroni, cori, tamburi trasformandola nell’infuocata casa giallorossa. 

Siete stati l’ottavo giocatore in acqua e contiamo seguiterete ad esserlo. Oltre ogni categoria.

Dai Pallanuotando alle Prime Squadre, gli atleti avranno bisogno di Voi. Per crescere nuove Martina, nuove Laura, Sara, Giulia, nuovi Filippo, nuovi Andrea e Davide che con la loro passione sapranno far rinascere lo sport più bello di Imperia e del mondo.”

Intanto in città le polemiche non si placano e su Facebook si scatenano i commenti negativi.

“Vergognatevi!!!! Siete riusciti a eliminare il nuoto agonistico per i ragazzi, perché a Imperia se non sei Federica Pellegrini/Gregorio Paltrinieri a 13anni, non puoi andare a fare gare di nuoto! Siete riusciti a distruggere una realtà incredibile chiamata pallanuoto, che aveva portato una città intera in piscina,” scrive un tifoso.

 

Articolo precedenteSettimana mondiale dell’allattamento al seno, Viale: “Regione Liguria all’avanguardia”
Articolo successivo1996 – Pareggio in casa per la Sanremese contro il Poggibonsi