A due settimane dalla chiusura della raccolta dati dei rifiuti urbani, prevista per venerdì 31 marzo 2017, il 35% dei Comuni non ha effettuato l’accesso al sistema Orso – Osservatorio rifiuti sovraregionale. Nel dettaglio, mancano al primo accesso 14 comuni in provincia di Spezia, 20 a Genova e Savona, e ben 29 a Imperia, che si laurea così provincia regina dei comuni mancanti.

“Una situazione che – fanno sapere da Arpal – inizia a preoccupare, dal momento che questi numeri, opportunamente verificati e validati, saranno la base della delibera regionale di accertamento dei livelli di raccolta differenziata e del tasso di riciclaggio raggiunti nel 2016 da ogni Comune ligure”.

La delibera in questione è l’atto ufficiale che ridefinisce l’ecotassa e calcola gli importi dovuti dai comuni inadempienti. Il primo passo, uguale per tutti, è il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata. Poi, l’avvio a riciclaggio e recupero del materiale raccolto in materia differenziata: il tasso fissato dalla Regione Liguria per il 2016 è di almeno il 45% (con l’eccezione di Genova, dove per il 2016 ci si accontenta del 40%).

Articolo precedenteGiallo a Ventimiglia: spariti circa 100 assegni
Articolo successivoSimone Caridi, il Tim Burton del Ponente ligure