La provincia di Imperia è la peggiore in Liguria sul fronte della raccolta differenziata. A dirlo è l’Osservatorio ligure sui rifiuti illustrato oggi dal governatore Giovanni Toti e dall’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone. La provincia di Ponente si attesta infatti al 38,22% di differenziata, contro il 39,49% dell’area metropolitana di Genova, del 50% di Savona e del 53,66% della Spezia. Tutto questo nonostante il trend regionale sia favorevole. La percentuale della raccolta differenziata dei rifuti è salita infatti a fine 2016 al 43,19% dal 38,63% di dodici mesi prima.

I dati indicano come 63 Comuni liguri su 215 abbiano raggiunto la percentuale del 65% (erano 32 nel 2015 e 16 nel 2014) e avranno così accesso allo sgravio fiscale per conferire in discarica la frazione residua. Da sottolineare infine come nel singolo Comune di Imperia la differenziata dal 2015 al 2016 sia diminuita dal 36,93% al 36,89%.

Articolo precedenteVisita del sindaco di Monaco a Ventimiglia, Ioculano: “Questo legame può essere la svolta della città”
Articolo successivoTorrazza, oltre mille anni di storia e resistenza