Conto alla rovescia per l’inizio della quarta edizione del Festival del Rugby di Sanremo, in programma per domani sabato 30 marzo e domenica 31 marzo. 

Gli incontri si svolgeranno presso il campo da rugby sito in località Pian di Poma e vedrà coinvolti gli atleti Under 14 nella giornata di sabato e gli Under 8-10-12 domenica.

Saranno circa 30 le formazioni che prenderanno parte al festival, provenienti dal nord Italia e dalla Francia, per un totale di oltre 700 ragazzi impegnati sul campo e altre 300 persone tra familiari e appassionati, che comporranno il weekend ovale della città di Sanremo.

Un weekend di sport e cultura, che mira al turismo sportivo. Il torneo certifica infatti oltre 240 pernottamenti in città in hotel a tre e quattro stelle, passati interamente dal canale ufficiale, ed è auspicabile pensare che i pernottamenti indotti siano di numero ben superiore.

Strategica anche la data di fine marzo, subito dopo la Milano-Sanremo, ed altri appuntamenti importanti del territorio, in un periodo di inizio primavera, che non vede altri eventi sovrapposti e quindi ideale per una manifestazione sportiva in Riviera che ha l’obiettivo di ampliarsi per offrire un prodotto non solo a dimensione sportiva ma soprattutto turistica. La manifestazione è inserita anche nel calendario manifestazioni del Comune di Sanremo e nel calendario Internazionale della Federazione Italiana Rugby.

Un’altra grande novità per questa edizione: ci sarà la possibilità per tutti i piccoli rugbysti e le loro famiglie, di poter conoscere una parte importante della storia di Sanremo: Villa Nobel.

Nel pomeriggio di sabato 30 si potrà visitare (su prenotazione al prezzo di 5 euro) la dimora sanremese di Alfred Nobel, celebre chimico e filantropo svedese che trascorse gli ultimi anni della sua vita nella Città dei fiori. Questo appuntamento dà all’evento un taglio non solo legato alla dimensione sportiva ma anche un ampliamento di tipo turistico e di interazione con la città ed il territorio a 360°.

Un abbinamento che nasce ricalcando i binari creati dalla Federazione Italiana Rugby in occasione del “Sei Nazioni” di Roma dove è stato introdotto il binomio Rugby più Cultura come brand, aprendo alle visite tutti i musei di Roma ed in abbinata l’ingresso alla partita della nazionale italiana di Rugby.

La visita guidata alla villa ed al museo Nobel è stata organizzata in collaborazione fra
la volontà dell’organizzazione è quella di proporre un grande evento sportivo ma anche intrattenere e far divertire grandi e piccini con attività ludiche collaterali, all’interno del contenitore sportivo. Ci saranno molte sorprese per tutti e divertimento assicurato.

Le interviste ad Emanuele Capelli, presidente della Sanremo Rugby, a Olmo Romeo, Consigliere del Cda del Casinò e all’assessore allo Sport di Sanremo, Eugenio Nocita.