carabinieri

È costante l’attenzione dei Carabinieri nel controllo delle coltivazioni di cosiddetta canapa “light”, molto diffuse nel ponente ligure soprattutto dopo la conversione d’impianti prima destinati alla produzione florovivaistica. In tale ottica, i Carabinieri del Gruppo Carabinieri Forestali di Imperia – con il supporto delle Compagnie CC di Bordighera, Imperia, Sanremo e Ventimiglia – nell’ultima settimana hanno implementato il numero delle ispezioni, effettuando diversi prelievi e campionature su oltre 20 aziende agricole presenti nel territorio, qualificate nella peculiare coltivazione, interessando l’ARPAL di Imperia al fine di documentare che i valori di principio attivo siano al di sotto della soglia massima consentita, pari a 0,6% di TCH. Avendo un valore di TCH superiore allo 0,6%, infatti, le piante sono considerate idonee a produrre marijuana con effetto stupefacente, ciò comportando il conseguente sequestro e la distruzione.

La normativa vigente riconosce l’esimente del fattore accidentale ma nel caso la coltivazione deve comunque essere distrutta poiché idonea a produrre stupefacente. L’attività nel frattempo ha fatto emergere alcune irregolarità amministrative, ragione per cui i militari hanno comminato sanzioni per oltre 2.000 euro per assenza del registro dei trattamenti fitosanitari ovvero per aver omesso il controllo periodico delle attrezzature utilizzate per l’irrogazione dei prodotti fitosanitari.

Data la crescita di coltivazioni di canapa light nella provincia di Imperia ad uso industriale, tessile, alimentare e cosmetico, i Carabinieri continueranno i controlli con costanza anche nei prossimi mesi.

Articolo precedenteOcchio all’ora legale: scatta nella notte tra sabato e domenica, sarà l’ultima?
Articolo successivoCamera di Commercio: lo spezzino Marco Casarino designato nuovo segretario generale. Il presidente Enrico Lupi: “Esprimo l’augurio di un proficuo lavoro”