enrico calvi

I pubblici esercizi della provincia di Imperia hanno deciso di dare vita, domani, ad una forte iniziativa di protesta per la mancanza di regole certe e condivise necessarie alla riapertura delle loro attivitĂ  e per la mancata erogazione di liquiditĂ  a fondo perso in grado di mitigare i danni economici causati dal lungo e drammatico lockdown.

Domani, alle 12 in punto, i titolari di bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, gelaterie, stabilimenti balneari, discoteche… si recheranno presso le loro aziende e isseranno simbolicamente, ma con grande forza, un drappo nero davanti al locale o all’interno per manifestare la loro rabbia e preoccupazione alla luce di una riapertura a scatola chiusa, o con regole assurde, che rischia di non consentire la ripresa di un lavoro degno di questo nome e al contrario di aggiungere debito al debito, fino al rischio di fallimento.

L’iniziativa, organizzata dalla Fipe provinciale, sarà manifestata mediaticamente con l’hastag #cosinonapro e con una ondata di fotografie di titolari dei locali e drappi neri che andranno a segnare questa giornata di protesta.

“Tutti coloro che si sentono oggi in balia di una pericolosa ed irrispettosa incertezza – commenta Fipe Imperia – sono invitati a partecipare per dare un grande segnale al Governo da un territorio che vive di turismo, che con le sue componenti dirette e indirette è il prioritario settore dell’Economia provinciale e che deve essere sostenuto con le giuste ed adeguate misure per poter ripartire”.

Articolo precedenteSanremo, l’Istituto Colombo incontra Gianrico Carofiglio per la lezione su “Come non diventare scrittori”
Articolo successivoCoronavirus, presentato il nuovo braccialetto “iFeel-You”: misura il distanziamento fisico tra le persone e la temperatura corporea