Raccolta differenziata, orto scolastico, merenda a base di frutta e verdura, borraccia per l’acqua. Queste, e molte altre, le iniziative della scuola primaria “R.Vercesi” di Caramagna per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente.

Il plesso scolastico dell’I.C. Boine di Imperia è inserito nel progetto Eco-Schools e quest’anno mira all’assegnazione della Bandiera Verde, un riconoscimento che testimonia l’attenzione e la sensibilità della scuola verso le problematiche ambientali.

Eco-Schools è uno dei programmi internazionali della Foundation For Environmental Education -FEE- per l’educazione, la gestione e la certificazione ambientale.

L’idea di fondo che accomuna tutte queste iniziative deriva dall’analisi del libro “La pedagogia della lumaca, per una scuola lenta e non violenta”, un libro che invita a riflettere sul senso del tempo educativo e sulla necessità di adottare strategie didattiche di rallentamento.

“Sono anni che la nostra scuola è attenta all’ambiente e all’aspetto della salute” spiega l’insegnante Sarah Berlanda. “Abbiamo pensato di allestire un orto, facciamo la raccolta porta a porta, il tutto coinvolgendo sempre i nostri bambini. Oggi a scuola si tiene la seconda riunione dell’eco-comitato, per fare il punto della situazione su questo progetto finalizzato a vincere la Bandiera Verde”.

Una cultura della ‘lentezza’ che però è strettamente collegata al presente, come spiega l’insegnante Virginia Calcagno: “L’I.C. Boine si è accorto che le nostre generazioni sono 2.0, quindi vuole andare incontro a queste nuove esigenze e dare un’impronta più tecnologica alla didattica, che quindi non sarà più puramente frontale ma trasversale e multidisciplinare. Grazie alla collaborazione con il Polo Tecnologico Imperiese, in particolare la prof.ssa Sonia Afflisio, abbiamo attuato questi cinque incontri tra i nostri alunni e i ragazzi dell’ITIS, che ci hanno insegnato a usare la piattaforma Powtoon. Ringraziamo anche la nostra dirigente, la dott.ssa Bianchi, che ci ha appoggiato in tutte le fasi del percorso”. Tutto questo in un’ottica di Service Learning, un approccio didattico innovativo che unisce apprendimento e servizio reso alla comunità.

Coinvolto nell’iniziativa anche il SEI-CPT, la scuola edile di Imperia: “Noi come ente di formazione – spiega Rocco Trimarchi – siamo sempre disponibili a partecipare a iniziative come questa di Eco-Schools. Riteniamo infatti che sia importante un lavoro di rete con tutte le scuole e i servizi del territorio”.

Le attività di raccolta differenziata della scuola primaria di Caramagna sono realizzate in collaborazione con il Comune di Imperia e la Teknoservice.

Presenti all’incontro di ieri pomeriggio anche Laura Gandolfo, assessore all’Ambiente di Imperia, e Marcella Roggero, assessore alla Cultura.