video
play-rounded-outline
04:42

Presentato questa mattina alla Camera di Commercio Riviere di Liguria a Imperia il ‘Progetto Easy Train per la tua vacanza nel Golfo Dianese‘, un servizio navetta gratuito dalla stazione di Diano verso le strutture ricettive aderenti. Hanno partecipato all’incontro i promotori e organizzatori dell’iniziativa: Camera di Commercio, DMO, Federalberghi, Federturismo Confindustria, Assoturismo Confesercenti. Presenti il sindaco di Diano Marina, Cristiano Za Garibaldi con l’assessore al Turismo della cittĂ  degli aranci Luca Spandre, Laura Arimondo, assessore con delega al Commercio di San Bartolomeo al Mare e il primo cittadino di Cervo, Lina Cha.

Raggiungere la Riviera dei Fiori in treno rappresenta una valida alternativa agli spostamenti nel traffico e nel caldo estivo, nonché una modalità più rilassante e sostenibile. Effettivamente, con il raddoppio e lo spostamento a monte della ferrovia (anche se non ancora nel tratto Finale Ligure-Andora) e con l’utilizzo di treni più moderni e accoglienti, si sono create, almeno in parte, le condizioni per un più agevole utilizzo di questo mezzo di trasporto, ma, se questo è vero per molte altre località della Riviera dei Fiori, non lo è per i turisti che vogliono raggiungere il Golfo Dianese.

Le parole di Enrico Lupi

“Le associazioni di categoria di Confindustria, Confcommercio e Confesercenti della provincia di Imperia, che rappresentano la quasi totalitĂ  delle imprese del settore turistico ricettivo del Golfo Dianese, si sono impegnate a proporre una soluzione che affronti questa problematica che rischia di mettere in crisi una ripresa delle imprese del settore, perno fondante dell’economia della zona, che hanno sofferto non poco durante la pandemia. Le stesse organizzazioni, socie insieme alla Camera di Commercio Riviere di Liguria, che ne detiene la maggioranza del 70%, hanno chiesto alla DMO Turismo Riviera dei Fiori di sviluppare, far propria e attuare questa iniziativa. Si è trattato, quindi, di strutturare in maniera coordinata un servizio per gli ospiti che arrivano con i principali treni per trascorre un periodo di soggiorno e vacanza nelle strutture del Golfo Dianese”, ha esordito ai nostri microfoni Enrico Lupi, Presidente Camera di Commercio Riviere di Liguria.

Le parole di Marco Benedetti

“Il progetto- ha spiegato Marco Benedetti, amministratore unico DMO- in questa prima fase si articola per il periodo di maggior afflusso turistico dal 21 Giugno 2024 al 15 Settembre 2024. Prevede la possibilitĂ  per le strutture turistiche del territorio di pubblicizzare il servizio di accoglienza attraverso i propri canali di comunicazione e promozione e di inviare ai turisti prenotati un voucher per usufruire del servizio. Il turista potrĂ  quindi comunicare alla struttura l’orario previsto di arrivo così che ci sia ad accoglierlo un transfer alla stazione”. 

“La struttura sarĂ  incaricata di registrare su un programma ad hoc le persone in arrivo e l’orario previsto in modo che il transfer incaricato abbia l’elenco delle prenotazioni giornaliere e possa organizzare i trasferimenti. Analoga procedura è prevista per le partenze. Il transfer, dotato di tutte le autorizzazioni per il trasporto pubblico, sarĂ  opportunamente brandizzato al servizio delle prenotazioni nelle strutture ricettive, in modo da evitare interferenze con il normale servizio pubblico o di TAXI. Si tratta di un servizio innovativo e volto a migliorare l’utilizzo di un mezzo piĂą agevole, veloce e con un minore impatto ecologico e sul territorio andrĂ  opportunamente pubblicizzato e valorizzato attraverso i mezzi di informazione e i canali social”, ha proseguito Benedetti.

Le parole di Cristiano Za Garibaldi

In rappresentanza dei sindaci del Golfo Dianese il primo cittadino di Diano Marina, Cristiano Za Garibaldi ha dichiarato: “Sono qui in veste di sindaco di Diano Marina, quindi uno dei amministratori del luogo, che applaudono questo progetto, ma non solo, contribuiscono anche attraverso la partecipazione alla DMO, che grazie ad essa, non molti lo sanno, ma siamo tra i piĂą importanti partecipanti in termini di quote, grazie anche alle nostre presenze turistiche”.

Il Golfo Dianese, con in particolare i comuni costieri di Diano Marina, San Bartolomeo al Mare e Cervo, senza dimenticare gli apporti dei comuni dell’immediato entroterra Diano Castello, Diano San Pietro, Diano Arentino e Villa Faraldi, rappresenta poco più di 1 milione e 500 mila presenze all’anno di turisti che raggiungono queste località. Il Golfo Dianese rappresenta, quindi, quasi la metà di tutte le presenze della Riviera dei Fiori.

Ambito del progetto ‘Easy Train’

Con lo spostamento a monte sono state dismesse le precedenti stazioni, in particolare quella di Diano Marina, prima situata nel pieno centro cittadino. Questo, se da un lato ha ridato alla cittĂ  ampi spazi da utilizzare per cittadini e turisti, dall’altro, con la nuova stazione “Diano”, situata nel territorio del comune di Diano Castello, in localitĂ  isolata e servita non adeguatamente da mezzi pubblici poco coordinati con gli orari di arrivo e partenza dei principali treni, rischia di dare al turista che arriva un’immagine di scarsa accoglienza, in particolare nei periodi che potrebbero essere di maggior afflusso turistico. Il servizio si occupa dell’accoglienza sia degli ospiti che arrivano nella stazione di Diano e che devono essere accompagnati alle strutture ricettive, sia per coloro che ripartono, cercando di lasciar loro il miglior ricordo del soggiorno, non solo attraverso le bellezze dei luoghi e dell’intrinseco valore del territorio, ma anche della cura e dell’assistenza che possono riscontrare nel superare le difficoltĂ  di collegamento. Si tratta in sostanza di trasformare una difficoltĂ  oggettiva in una opportunitĂ  di ulteriore promozione dell’accoglienza di un territorio.

Come funziona ‘Easy Train’

La struttura ricettiva, al ricevimento di una prenotazione, informerà il cliente della possibilità di usufruire di questo servizio qualora volesse raggiungere il Golfo Dianese in treno, inviando un documento in cui sono elencati tutti i principali treni con i relativi orari di arrivo e partenza e le regole del servizio navetta (le principali sono che la prenotazione va effettuata almeno 48 ore prima del viaggio e che in caso di annullamento o cambio di treno va avvertita tempestivamente la struttura). Il cliente dovrà confermare il proprio giorno e orario di arrivo, il numero delle persone e il treno scelto. Ricevuta tale conferma, l’albergatore accede al sito con le proprie credenziali predisposte dalla DMO ed eroga il biglietto gratuito riportante il nominativo del cliente, il treno scelto con l’orario di arrivo alla Stazione di Diano e un contatto telefonico per eventuali comunicazioni di emergenza dell’ultimo minuto (es. sciopero, treno perso). Il cliente presenterà al transfer il biglietto in formato cartaceo o digitale (l’autista della navetta ha comunque accesso all’elenco dei prenotati). Analogamente si opera per le partenze da Diano a fine soggiorno. Ogni sera il transfer scarica l’elenco dei prenotati per il giorno successivo, dove sono riportati tutti i dati, e organizza gli spostamenti. Trattandosi di un servizio navetta su prenotazione, la durata del trasferimento e il tragitto possono variare anche sensibilmente a seconda del numero di passeggeri e del numero di fermate da effettuare per ogni corsa. Per ragioni logistiche e di limitazioni al traffico, alcune fermate possono distare dalla struttura ricettiva qualche decina di metri a piedi.

Organizzazione operativa e risorse economiche

L’organizzazione operativa fa capo alla DMO Turismo Riviera dei Fiori, di cui le stesse organizzazioni e la Camera di Commercio Riviere di Liguria sono socie, attività d’altra parte compatibile con gli scopi sociali di promozione e sviluppo turistico di tale consorzio. La DMO ha individuato e stipulato il contratto con la società incaricata del transfer che mette a disposizione due tipi di bus navetta, uno 18 posti per le giornate di minor afflusso e uno 40 posti per i giorni con maggiori arrivi e partenze. La DMO ha provveduto all’organizzazione del servizio ticketing e alla formazione del personale incaricato delle strutture ricettive per l’utilizzo dello stesso.

Costi

La previsione dei costi, che ammontano complessivamente a poco meno di €. 57.000, è ovviamente costituita in larga parte dal costo del transfer. Le altre spese di promozione e comunicazione, anche attraverso i canali social (Lombardia e Piemonte i target principali), sono indispensabili per un servizio che si ritiene importante, ma che deve essere conosciuto dalla potenziale clientela.

Entrate

Le risorse per la copertura del servizio derivano principalmente dalla contribuzione delle strutture ricettive (30 hotel, 5 campeggi, 16 Residenze Turistico-Alberghiere e Case e Appartamenti per Vacanze), che ammonta complessivamente a poco meno della metà delle risorse necessarie, circa € 24.000, e si è basata su un contributo forfettario più un importo variabile a seconda del numero delle camere degli hotel e dei campeggi e dalla partecipazione di Residenze Turistico-Alberghiere e Case e Appartamenti per Vacanze. Assolutamente necessari a contribuire alla copertura dei costi, l’apporto degli sponsor, cui va il nostro ringraziamento, i cui marchi saranno riportati su tutte le pubblicazioni del progetto Easy Train e sui pannelli laterali delle navette. Li ricordiamo: Banca d’Alba, Cooperativa Coo.A.Di. e Arimondo (supermercati PAM e Eurospin). Da sottolineare l’apporto anche economico alla riuscita dell’iniziativa delle organizzazioni del settore turistico Federalberghi-Confcommercio, Federturismo-Confindustria e Assoturismo-Confesercenti. In ultimo, ma non per importanza, il rilevante contributo deliberato dalla Giunta della Camera di Commercio Riviere di Liguria, che ha voluto compartecipare a questa iniziativa, non solo per sostenere il turismo del territorio ma, valutando positivamente questo avvio di attività e ritenendo che, una volta che il servizio sarà maggiormente conosciuto, nei prossimi anni, sempre basandosi su una quota di adesione degli alberghi, mantenendo le sponsorizzazioni e auspicando la partecipazione degli enti locali, lo stesso possa ampliare il periodo di utilizzo, che ad oggi viene limitato alla stagione estiva.

In allegato il regolamento e le strutture ricettive.

Le interviste integrali a Lupi, Benedetti e Za Garibaldi nel video-servizio a inizio articolo.