Primi 100 giorni di Amministrazione Scullino, Ioculano: "Salvo il vicesindaco, Giunta sostanzialmente non pervenuta"

È stato ospite nei nostri studi Enrico Ioculano, ex sindaco di Ventimiglia e oggi consigliere comunale di opposizione.

Sono trascorsi i primi 100 giorni della nuova Amministrazione cittadina guidata dal sindaco Gaetano Scullino. Ioculano ha commentato i primi mesi di mandato del nuovo primo cittadino: “Se devo fare un bilancio complessivo non ci sono molti elementi di cui parlare e su cui si può dire che ci sia stato un impulso particolare. Di sostanzioso c’è stato ben poco, c’è un attivismo del sindaco ma di cose realmente importanti che possono cambiare i prossimi anni della città non ce ne sono state. Salvo il vicesindaco che si sta impegnando, la Giunta è sostanzialmente non pervenuta“.

Dopo un passaggio sull’andamento della stagione estiva Ioculano ha commentato la volontà del sindaco Scullino di riaprire il parcheggio sul greto del fiume Roja: “È sostanzialmente impossibile, ma se il sindaco dovesse riuscirci ne sarei contento. D’altronde basta leggere le sentenze e sono gli stessi motivi per cui non si è mai aperto prima. Gli uffici regionali non potranno far finta di nulla e il sindaco lo sa”.

Il consigliere ha poi commentato il suo ruolo all’interno dell’opposizione e la recente proposta lanciata di una città plastic free: “L’abbiamo ritenuta interessante e l’idea per partire è quella di regalare ai ragazzi le borracce. Abbiamo presentato una mozione e abbiamo visto che l’amministrazione l’ha fatta propria e siamo contenti che questa proposta sia andata avanti. La nostra opposizione non è bacchettona e noi faremo proposte perché sui grandi temi che supereranno gli anni del mandato dobbiamo incontrarci e discutere perché la strada deve essere comune e per la città. Poi su molte cose non ci si trova e non sempre si ottiene la risposta voluta. Mi auguro che ci possano essere le occasioni dovute sui grandi temi come lo sviluppo del porto, delle aree ferroviarie e della viabilità”.

È tornata sulle pagine dei giornali la questione riguardante i migranti e i controlli sul confine. Proprio alla Camera l’Onorevole ventimigliese Flavio Di Muro si è detto preoccupato e ha chiesto che Ventimiglia non ritorni ad essere quello che è stato: “In 14 mesi di Ministero degli Interni guidato da Matteo Salvini non mi pare che la città abbia visto un cambiamento positivo particolare. C’è stato un afflusso costante di persone, il campo della Croce Rossa è rimasto lì nonostante le promesse. Tutta questa preoccupazione sul domani rispetto ai mesi passati.. non me la spiego”.

Ioculano ha anche parlato delle elezioni regionali del prossimo anno: “Manca ancora un po’ di tempo perché dobbiamo capire con che assetto ci si presenterà al voto. Ne stiamo parlando ovviamente, da qui a breve penso che si troverà una quadra per poi decidere”.