Questura

Ha un volto e un nome l’autore dell’imbrattamento del murales contro il bullismo ad Imperia.

Il giovane è ancora minorenne, ed è stato individuato dagli agenti della Questura di Imperia dopo attente indagini.

I poliziotti sono risaliti all’autore  grazie ad alcune testimonianze raccolte dopo i fatti ed alle immagini delle videocamere vicine al luogo dell’accaduto.

Dopo essere stati individuati dagli agenti, i giovani sono stati accompagnati negli uffici della Questura dai genitori per spiegare l’accaduto. Hanno capito subito cosa avevano fatto si sono assunti la piena responsabilità delle loro azioni, e ora vogliono chiedere scusa al preside dell’Istituto Marconi e alla associazione “Genitori @ttivi” ma anche al Comune di Imperia.

I genitori dei due minorenni si sono mostrati disponibili a contribuire alle spese per ripristinare il murales.

Il Murales contro il Bullismo, realizzato dagli studenti del Liceo Artistico di Imperia, particolarmente apprezzato dalla cittadinanza, ha raggiunto un prestigioso traguardo, arrivando, nel 2017, 4° al Concorso Nazionale “La Buona Vernice” e ricevendo, per questo, un premio di 2.500 euro.

L’intervento dei Poliziotti di Quartiere, che sono riusciti a dare un nome al responsabile del danneggiamento, conferma l’attenzione costante e continua che la Polizia di Stato riserva alle questioni che riguardano i fenomeni di devianza giovanile nonché la volontà di presidiare, con particolare attenzione, i luoghi “simbolo” dell’aggregazione di coloro che si oppongono, quotidianamente, alla prevaricazione e alla violenza.

 

 

 

 

Articolo precedenteTrucco a Riviera Time: “Riapertura via Feraldi? È già un successo non aver spostato il mercato”
Articolo successivo2002 – Restaurato l’Oratorio di San Benedetto a Taggia