C’è preoccupazione fra i panificatori per gli aumenti che si stanno registrando negli ultimi periodi e che riguardano costi delle materie prime e bollette.

Spiega Luigi Giuliani, presidente Assipan Confcommercio della provincia di Imperia: “Oggi il problema principale della nostra categoria è l’aumento dei costi delle materie prime, legato anche al rincaro del gasolio e quindi dei costi di trasporto e di materie connesse al lavoro, quali materiali per il confezionamento dei prodotti. A questo si aggiunge l’aumento delle bollette dell’energia elettrica. La situazione si sta facendo preoccupante, soprattutto se si pensa che abbiamo un incremento che arriva fino al 60 percento dei costi di acquisto delle farine, in particolare di grano duro. Aumenti si registrano anche su altri prodotti, quali burro e olio extravergine e purtroppo ci hanno confermato che i costi sono destinati ancora a salire. Tutte materie prime che sono alla base delle nostre produzioni di alta qualità artigianale. E sulla qualità non possiamo e non vogliamo fare compromessi”.

Conclude Giuliani: Stiamo ragionando in termini di unità, per fare rete per gli acquisti e cercare di limitare al massimo l’impatto degli aumenti nei confronti dei nostri clienti”.

Assipan sulla delicata questione ha già tenuto un primo incontro con gli associati e altri ne seguiranno entro breve, al fine di trovare le migliori soluzioni possibili per la categoria.

Articolo precedenteI ‘Racconti di Luce’ illuminano Sanremo. Dal fondo straordinario arrivano 300mila euro per gli eventi di Natale
Articolo successivoCrescono ancora i positivi al covid-19 in Liguria, 460 nuovi casi nelle ultime 24 ore