video

Quello di oggi è stato un momento importante e significativo per l’intera comunità di Rocchetta Nervina, isolata da quel drammatico 27 novembre quando parte della Provinciale 68 è franata a seguito del maltempo e delle forti piogge.

È stato infatti poggiato questa mattina, intorno alle 10.15, il ponte in ferro (42 metri di lunghezza per 40 tonnellate di peso) che permetterà di bypassare la frana ricollegando il piccolo borgo della Val Nervia con Dolceacqua.

Un momento emozionante per i residenti che hanno sofferto in questi giorni grossi disagi.

“Per noi oggi è una vittoria, in questi giorni abbiamo tribolato parecchio,” commenta Natale Rondelli, abitante di Rocchetta. “È una situazione di grande disagio. I semplici rifornimenti di cibo e acqua sono complicati. Anche il dovere sempre passare a piedi per giorni e giorni,” spiega Maria Grazia Carabalona, anche lei residente di Rocchetta. “Siamo soddisfatti di come hanno lavorato celermente, se ci guardiamo intorno possiamo solo essere contenti,” aggiunge Rondelli.

Inizialmente si sperava di inaugurare il ponte addirittura prima di Natale, ma per ragioni tecniche è stato necessario ritardare. La mastodontica gru che ha sollevato la passerella ha infatti visto la necessità di realizzare due piloni di sostegno.

I lavori ora proseguono spediti, ma ci vorranno ancora alcuni giorni prima che il ponte sia terminato e collaudato. Questa mattina è stato infatti appoggiato solo lo scheletro del ponte. Come spiega il direttore dei lavori, il geometra della Provincia Bruno Lorenzi, gli operai dovranno montare l’impalcato per creare la pavimentazione su cui passeranno le auto, dovranno poi essere realizzate le due rampe che collegheranno la strada alle due estremità della passerella.

Solo a questo punto potrà avvenire un collaudo iniziale per verificare la tenuta del ponte con una portata minima (sufficiente per il normale passaggio di autovetture). In un secondo tempo verrà fatto il collaudo con il massimo di portata per legge di 20 tonnellate.

Con stime fortemente prudenziali, il ponte potrà quindi essere aperto e percorribile entro una settimana, ma si spera di anticipare l’inaugurazione di qualche giorno.

A seguire i lavori, oltre al geometra Lorenzi, anche il direigente della Provincia, Ing. Michele Russo.

Il sindaco di Dolceacqua, Fulvio Gazzola, commenta: “Quella di realizzare il ponte è stata la scelta più logica. Una soluzione temporanea che ci permetterà però di ripristinare la strada franata lavorando con calma e dando una soluzione celere agli abitanti di Rocchetta Nervina.”

La realizzazione del ponte e il ripristino della strada avrà un costo di oltre 600 mila euro. Regione Liguria ha garantito la copertura finanziaria dell’operazione che sta portando avanti la Provincia.

Nel video servizio a inizio articolo le interviste e le immagini di questa mattina.

Di seguito il video integrale del varo del Ponte:

video