Centoventisette milioni per la ricerca e lo sviluppo delle competenze, 45 milioni per la digitalizzazione, 218 milioni a sostegno degli investimenti produttivi e dell’accesso al credito, 159 milioni per l’efficienza energetica e le rinnovabili, 30 milioni per l’economia circolare e 50 milioni per lo sviluppo delle comunità territoriali. Questo l’indirizzo di Regione Liguria ai 630 milioni in arrivo con la nuova programmazione comunitaria Por Fesr 2021-2027, presentato dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti a istituzioni e stakeholder territoriali al Palazzo della Borsa di Genova.

“Siamo nel gruppo di testa delle Regioni che hanno giĂ  chiuso gli accordi a livello europeo sia per quanto riguarda i fondi Fesr sia per il Fondo sociale: ora la necessitĂ  è utilizzarli rapidamente – dichiara il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. – Tra le prioritĂ  spiccano ovviamente i temi energetici, l’incrementare le dimensioni della piccola e piccolissima impresa ligure, ma anche migliorare la qualitĂ  dell’offerta turistica, dato che per la prima volta il Fondo europeo di sviluppo regionale riguarda anche un settore strategico per l’economia ligure come quello turistico. Tra le prioritĂ  c’è anche una sempre maggiore sinergia tra le politiche attive del lavoro, la formazione del personale, gli aiuti alle imprese: sono queste sono le vere chiavi per far ripartire il Paese”.

“Abbiamo atteso a lungo questo momento, che vedrĂ  arrivare in Liguria una dotazione economica mai vista prima per il Por Fesr, superiore per oltre 250 milioni di euro a quella del precedente settennato – sottolinea l’assessore Benveduti. – Con grande pragmatismo cercheremo di anticipare giĂ  nei primi sei mesi dell’anno molte misure, applicando una politica di interventi, ovviamente nelle proporzioni e dotazioni regionali, che sia da stimolo “anticiclico” all’economia ligure e che vada a supportare i principali drivers di sviluppo anche semplicemente di continuitĂ  aziendale e occupazionale. I nostri tecnici, che ringrazio per il preziosissimo operato, sono giĂ  al lavoro per impostare i primi bandi della nuova programmazione. In questo percorso sarĂ  fondamentale rafforzare il finora fruttuosissimo dialogo con le controparti istituzionali, associative, datoriali e sindacali, per continuare a cogliere le esigenze del nostro tessuto economico”.