L’Onorevole ventimigliese Flavio Di Muro è intervenuto alla Camera in merito al disastro del Ponte Morandi.

    Di Muro ha infatti dichiarato: “Passando centinaia di volte sul ponente abbiamo sempre pensato come potesse reggere con tutti quei carichi. E’ possibile che non si realizzino strade alternative. In Italia si sa che si attendono le tragedie, ma ora dobbiamo guardare avanti. Siamo parlamentari e dobbiamo lavorare per raddrizzare questo paese“.

    L’intervento dell’Onorevole è stato molto critico, con l’intento evidente di mantenere alta l’attenzione del governo nei confronti di questioni poco chiare, quali l’apparente mala gestione dell’autostrada A10: “Evidentemente c’è qualcosa che non torna tra i pedaggi spesi e le opere di manutenzione e, quindi, bisogna rivedere la governance di queste infrastrutture”.

    L’Onorevole ha premuto affinché la Liguria non venga lasciata sola, per evitare conseguenze quali la possibile perdita delle aziende: “Le Istituzioni locali stanno lavorando bene ma non vanno lasciate sole, anche se ho visto lavorare bene il Governo. Si tratta ora di capire come aiutare Genova e tutta la Liguria. L’importante è agire in fretta e con cognizione di causa. E’ importante pensare ad un pacchetto di misure per le imprese in difficoltà e, conseguentemente anche per i lavoratori”.

    L’onorevole Di Muro ha infine concluso esprimendo la volontà che la questione del ponte di Genova “Sia la prova di un Governo che investe nelle infrastrutture, che segue a testa alta le emergenze e che creda nello sviluppo della Liguria“.