reti fantasma

Si è conclusa in data odierna una nuova attivitĂ  ambientale legata all’operazione “reti fantasma” organizzata dalla Guardia Costiera Imperia che ha visto impegnati, uomini e mezzi nautici del Corpo delle Capitanerie di Porto. Grazie al supporto del Reparto Operativo della Direzione Marittima della Liguria, del personale specialistico del V Nucleo Sommozzatori di Genova, nonchĂ© della fattiva collaborazione del ceto peschereccio locale, nello specifico del Sig. Federico Martino e dei sub dell’Associazione Sportiva Dilettantistica “InfoRmare”, i fondali marini circostanti il “Pilone di Cervo” sono stati liberati da oltre 100 metri e 50 Kg di rifiuti costituiti da reti da posta ritrovate sul fondo.

Sulle complesse attivitĂ  di recupero, svoltesi in 2 giorni, ha espresso parole di soddisfazione il Capitano di Fregata Carlo La Bua, Comandante della Capitaneria di Porto di Imperia, il quale ricorda a tutti che “ogni anno vengono purtroppo abbandonate o disperse accidentalmente in mare svariate tonnellate di reti ed altri attrezzi da pesca che, se non recuperati, continuano a “pescare”, 24 ore su 24, rappresentando una seria minaccia per la vita marina e per l’ambiente. Queste attrezzature, infatti, provocano la cattura passiva di pesci e di altri animali come tartarughe e mammiferi marini, che vi possono rimanere intrappolati, per non parlare dei possibili danni cagionati all’ecosistema marino ed agli organismi bentonici, nonchĂ© dei pericoli che tali reti possono costituire per la sicurezza dei subacquei”.

L’attività di recupero delle reti fantasma si inserisce in una più ampia campagna comunicativa sul tema della sensibilità ambientale, rientra nel progetto “PlasticFreeGC” nato nel 2019 dalla collaborazione tra il Comando Generale della Guardia Costiera e l’allora Ministero dell’Ambiente, oggi della Transizione Ecologica, per la tutela della ambiente e della fauna marina.

Commenta la Capitaneria: “Un sentito ringraziamento è stato rivolto dall’AutoritĂ  Marittima a tutti gli operatori subacquei coinvolti che, volontariamente e con grande sensibilitĂ  civica ed ambientale, hanno segnalato e partecipato alle attivitĂ , contribuendo al buon esito delle stesse. Pari ringraziamento va, infine, al Comune di Diano Marina per l’altrettanta sensibilitĂ  a condividere il valore delle attivitĂ  svolte e per il fondamentale contributo da esso prestato per concorrere allo smaltimento dei materiali di rifiuto recuperati nel corso delle delicate operazioni.

L’obiettivo da traguardare è quello di raggiungere, nel piĂą breve tempo possibile, il necessario cambiamento culturale di tutti gli utenti del mare, nell’intento comune di restituire ai nostri figli un mare sempre piĂą pulito”.

Articolo precedenteVentimiglia, il sindaco Scullino sul fenomeno migratorio: “Il sorgere di un campo di accoglienza dovrĂ  avere un regolamento di gestione concordato e rigido”
Articolo successivoTorna in piazza “Nonno Ascoltami” per la prevenzione dei problemi di udito. L’assessore regionale Cavo: “Rivolgo un appello ai nostri nonni per uno screening”