Nell’ambito di attività quotidianamente svolta dalla Guardia Costiera finalizzata al contrasto della pesca illegale ed alla tutela dell’ambiente marino, nella giornata del 27 settembre 2021, la motovedetta CP2110, in servizio presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Sanremo, congiuntamente a personale della Delegazione di Spiaggia di Bordighera, ha rinvenuto e sequestrato, nello specchio acqueo antistante il Comune di Ospedaletti, 10 FAD (Fish Aggregating Device), cioè dispositivi di concentrazione di pesce, sprovvisti dei previsti sistemi di identificazione e segnalamento.


I FAD, cosiddetti “cannizzi”, costituiti da foglie di palma, numerose bottiglie e contenitori di varia forma e dimensioni, oltre a sacchi di plastica, privi delle boe di segnalazione e della prevista marcatura, necessaria ad indentificare il motopesca d’appartenenza, rappresentano così non solo un pericolo per la sicurezza della navigazione ma anche una seria minaccia per l’ambiente marino in cui vengono illecitamente utilizzati. Non di minore rilevanza è la violazione dei principi della leale concorrenza tra gli operatori del settore pesca a vantaggio di coloro che operano a dispetto delle regole nazionali e comunitarie.


La pesca professionale a circuizione con l’ausilio di questi sistemi, può essere effettuata esclusivamente da pescherecci autorizzati dal Ministero; ogni attrezzo deve riportare la marcatura e l’identificazione del motopesca autorizzato in conformità a quanto previsto dal Regolamento (CE) 404/2011 e deve essere composto utilizzando cime e galleggianti biodegradabili, compatibili con l’ecosistema marino, al fine di minimizzare l’impatto sull’ambiente.


L’attività di contrasto alla pesca illegale proseguirà lungo tutto il tratto di mare di giurisdizione del Circondario Marittimo di Sanremo, al fine di garantire la sicurezza della navigazione, la salvaguardia dell’ecosistema marino, nonché sostenere gli operatori del settore pesca che operano nella legalità e tutelare il consumatore finale.

Articolo precedenteDove gli abeti sbirciano quasi il mare: la foresta alpina di Gouta e Testa d’Alpe
Articolo successivoQuasi 1 milione di euro alla provincia di Imperia per il ripristino della viabilità nell’entroterra: andranno ai Comuni di Montalto Carpasio, Molini di Triora e Pontedassio