alessandro piana

“Un altro passo avanti per scongiurare la chiusura di tante attività, dopo le proroghe già caldeggiate al 5 settembre e al 3 ottobre, che ci permette di tirare il fiato e lavorare sulla programmazione del 2022. Va vista in quest’ottica costruttiva e non come puro e semplice risultato, l’ultima circolare del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali dopo la sollecitazione congiunta di Regione Liguria, Toscana e Sardegna, che permette alle diverse barche dedite alla pesca del gambero di profondità, di continuare ad operare sino al 31 dicembre. Salvare la pesca e i nostri prodotti di eccellenza come il gambero, famosi da Ventimiglia a Santa Margherita passando, ad esempio, per Sanremo, Oneglia e Andora, significa trovare soluzioni a lungo respiro: non ci fermiamo certo qui, semmai è un punto di partenza. Dobbiamo concertare chiare politiche sulla pesca con le associazioni di categoria, trovando, come più volte auspicato, soluzioni che contemperino al doppio obiettivo della sostenibilità ambientale ed economica”. Lo dichiara il vice presidente e assessore alla Pesca di Regione Liguria Alessandro Piana.

Articolo precedenteEcco il nuovo decreto covid: riaprono totalmente i luoghi di cultura, via libera anche alle discoteche
Articolo successivoSanremo, Amaie Energia: variazioni al servizio in occasione festa patronale di San Romolo