comune perinaldo

Mauro Agosta, consigliere di minoranza e capogruppo di “Perinaldo 2.0” ha rassegnato le sue dimissioni con una lettera presentata in mattinata al Comune di Perinaldo e alla quale sono seguite le dimissioni degli altri due consiglieri di minoranza, Andrea Gramagna e Dino Molinari.

“Dopo anni di impegno amministrativo nel nostro Comune, – commenta Agosta – dettato unicamente da presuntuosa convinzione di poter essere utile alla crescita e allo sviluppo del bene comune, mi sono reso conto di avere una visione “utopistica” sull’incisivitĂ  che il mio lavoro, per la veritĂ  quello di tutto il nostro gruppo, potesse avere per conseguire quei risultati che ci si aspettava. Nonostante per due volte non sia riuscito ad ottenere la fiducia dell’elettorato, risultato scontato per altro, non mi sono mai tirato indietro, anzi nel rispetto di chi ci aveva votato, mi sono (ci siamo) impegnato al massimo preparandomi ad ogni Consiglio, studiando tutte le pratiche nel dettaglio al fine di poter esprimere sempre un’opinione di coscienza e consapevole. Con il passare del tempo questo impegno è cresciuto al pari delle evidenti mancanze di quegli strumenti che mi potessero permettere di svolgere con efficacia il mio ruolo. Nello specifico non mi sono piĂą bastate le singole pubblicazioni in albo pretorio di delibere o determine poichĂ© spesso incomplete anche solo per comprendere esattamente luoghi o interventi specifici. Tutto questo mi ha costretto a richiedere agli uffici competenti la documentazione mancante, uffici che per mancanza di tempo e personale non hanno certo bisogno di ulteriori carichi. Sufficiente sarebbe stato che all’atto della pubblicazione e secondo le regole della trasparenza, come stabilito per legge, si trovassero gli allegati attinenti alle pratiche al momento della pubblicazione”.

“Inutile poi ribadire – continua – come le azioni di denuncia nei confronti di situazioni insostenibili di tutta evidenza di cui io sembra sia l’unico ad accorgersi, non solo non abbiano sortito effetti, ma anzi abbiano provocato becere ritorsioni nei miei confronti con azioni che ho ripetutamente denunciato. La totale indifferenza da parte dell’amministrazione che non ha nemmeno avuto una parola di sostegno o di disappunto nei confronti di questi vili atteggiamenti è stata una vera delusione, non mi aspettavo qualcosa di formale, ma almeno a titolo personale, che dire… attenti alla pagliuzza negli occhi degli altri, incuranti della trave nei propri. Io ci ho sempre messo la faccia, pagandone personalmente le conseguenze. Questa impotenza, nonostante l’impegno, unito ad un modus operandi a mio giudizio molto discutibile che prevarica ogni logica di esercizio del bene comune a vantaggio di pochi, dei soliti per la veritĂ , mi ha stancato. Mi sono stancato di combattere contro i mulini a vento perchĂ© l’unico risultato che ho ottenuto è stato quello di crearmi inutili ed ingiustificate inimicizie, maturando in me la convinzione che non valga piĂą la pena di buttare via ulteriore tempo e travaso di bile, facendomi decidere di impiegare il mio tempo ed il mio impegno in modo piĂą proficuo almeno per la mia personale serenitĂ . Ringrazio sentitamente i miei compagni di avventura, Dinuccio Molinari, il “nonno” memoria storica, sempre prezioso e attento, così come Andrea Gramagna sempre pronto e disponibile ad affiancarmi con fiducia sincera, mai mi hanno fatto mancare il loro supporto anzi sempre pronti a spronarmi nel compito difficile che mi è stato assegnato. Ringrazio chi nel segreto dell’urna ha voluto darmi la fiducia, anche se per la veritĂ , alla luce del sole, solo in pochi mi hanno sostenuto, ma comprendo le loro titubanze nel farlo in una situazione difficile come è quella della nostra comunitĂ ”.

“Ringrazio il mio partito, Fratelli d’Italia, che mi ha sempre supportato offrendomi quelle competenze tecniche che mi hanno consentito di comprendere a pieno i meccanismi della macchina amministrativa e facendomi sempre trovare preparato. Ringrazio la dott.ssa D’Avanzo per la collaborazione e disponibilitĂ , così come i responsabili di tutti gli uffici comunali, la infinita pazienza della preziosa Sandra Guglielmi che nonostante l’enorme mole di lavoro e responsabilitĂ  che ricopre si è sempre dimostrata collaborativa. Un augurio infine al sig. sindaco, Francesco Guglielmi, alla sua Giunta e alla maggioranza tutta, affinchĂ© possano intraprendere il miglior percorso possibile nella finalitĂ  del bene comune e ai quali, in ultimo, rassegno le mie inderogabili dimissioni da consigliere comunale”, conclude Agosta.