amadeus

Dal prossimo 29 ottobre prende il via AmaSanremo in onda su RaiUno alle 22,45. Cinque puntate in seconda serata e poi una sesta, la finale del 17 dicembre quando verrà deciso, a seguito del voto della giuria, l’elenco delle otto Nuove Proposte di età compresa tra 15 e 33 anni che prenderanno parte al prossimo Festival dei primi di marzo.

Oltre al televoto, a decidere sulla sorte dei 61 concorrenti protagonisti del nuovo format televisivo, pre-selezionati da Amadeus e dal suo team della Commissione Musicale, ci sarà anche una giuria televisiva formata da quattro esperti, tre dei quali sono stati resi noti.

Si tratta di Piero Pelù, Luca Barbarossa e della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi. Se i primi due sono volti e nomi noti, la Venezi è meno conosciuta al grande pubblico ma nell’ambiente è famosa per essere la più giovane direttrice d’orchestra d’Europa. Trent’anni, alle spalle già una serie di successi e tournèe anche negli States con Andrea Bocelli, la Venezi nel 2018 è stata inserita da Forbes tra i 100 under trenta ‘leader del futuro’.

Non è stato ancora reso noto il nome del quarto componente di questa giuria, con il quale probabilmente la Rai sta trattando impegno e cachet.

A proposito di giovani, questa è la settimana che aprirà l’edizione 2020 di Area Sanremo, il concorso gestito dalla Fondazione Orchestra Sinfonica che dovrà selezionare otto vincitori tra i quali le giurie di AmaSanremo ne sceglieranno due in quella sera del 17 dicembre per completare il cast delle Nuove Proposte. Sono previsti tre weekend (24/25 ottobre, 31/1 novembre, 7/8 novembre) pieni di audizioni rigorosamente a porte chiuse al Palafiori per un numero massimo di 600 concorrenti, duecento ogni fine settimana, e la finale che si svolgerà il 21 e 22 novembre. Ovviamente sarà applicato un rigido protocollo di sicurezza anti Covid per le esibizioni davanti alla giuria mentre gli apprezzati corsi di formazione si terranno in streaming.

Rispetto all’anno scorso, la giuria di Area Sanremo è cambiata all’80%. Unico confermato è il presidente Vittorio De Scalzi, gli altri quattro sono Rossana Casale, Erica Mou, Gianmaurizio Foderaro e G-Max.

Articolo precedenteNuovo dpcm, Olioliva a rischio. Valutazioni tecniche e giuridiche in corso, atteso responso nel pomeriggio
Articolo successivoSaint Charles di Bordighera, il Consigliere Trucchi: “Fino a quando ci sarà l’emergenza sanitaria il processo di privatizzazione non potrà prendere corso”