Sentenza rimandata al 27 aprile. Si è conclusa così l’udienza odierna del processo a Felix Croft, il no border francese di 28 anni abitante a Nizza arrestato nel luglio scorso alla barriera autostradale di Ventimiglia mentre all’interno della propria auto tentava di portare in Francia una famiglia di migranti nigeriani.

All’interno del Palazzo di Giusitiza di Imperia si sono tenute le arringhe finali, con il pm che ha chiesto una condanna a 3 e 4 mesi di reclusione e il pagamento di 50mila euro di ammenda, mentre la difesa ha chiesto l’assoluzione.

Felix Croft, che deve rispondere dell’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina con l’aggravante del numero di persone trasportate, ha più volte dichiarato di aver agito spinto da ragioni umanitarie e non economiche.

Articolo precedenteIl crimine non paga neanche a Sanremo
Articolo successivoSicurezza sui treni liguri: nuovo sistema di videosorveglianza sui Vivalto