Pasta e riso, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi: ecco i prodotti che compongono i pacchi della solidarietà che in provincia d’Imperia stanno raggiungendo le famiglie che, a causa del Covid, sono state messe più in difficoltà.

“Stiamo procedendo – affermano il Presidente di Coldiretti Imperia Gianluca Boeri e il Direttore Provinciale Domenico Pautasso –  alla distribuzione a nuclei familiari in stato di bisogno, individuati grazie al supporto del Settore Servizi Sociali Sociali del Comune di Imperia, per dare un segno tangibile della solidarietà della filiera agroalimentare italiana verso le fasce più deboli della popolazione in un momento dove l’emergenza sanitaria continua a mettere in serie difficoltà l’intera economia. Un’operazione che vuole essere un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi stanno pagando più di altri le conseguenze economiche e sociali della pandemia portata dal Covid-19. Ci teniamo a ringraziare la Dott.ssa Sonia Grassi, del Settore Servizi Sociali Sociali del Comune Di Imperia, che ha individuato nell’elenco dei nuclei familiari in stato di bisogno del Capoluogo di Provincia, le 65 famiglie più bisognose; il nostro obiettivo è far sì che questa esperienza diventi un impegno strutturale che aggiunge valore etico alla spesa quotidiana degli italiani”.

A livello nazionale, sono circa ventimila le famiglie povere piegate dall’emergenza Covid che per la settimana di Pasqua e Pasquetta potranno mettere in tavola i migliori prodotti agroalimentari Made in Italy grazie all’importante operazione di solidarietà del sistema agroalimentare italiano. L’iniziativa promossa da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese ha visto la spedizione del primo carico di aiuti alimentari dal cortile di Palazzo Chigi “A sostegno di chi ha più bisogno”. 

L’iniziativa di Pasqua della Coldiretti è resa possibile dalla partecipazione di: Conad, Bonifiche Ferraresi, Philip Morris, Eni, Snam, Intesa San Paolo, Generali, De Cecco, Cattolica Assicurazioni Grana Padano, Barilla, Enel, Confapi, Fondazione Tim, Inalca, De Rica, Pomì, Casillo Group, Mutti, Monte dei Paschi di Siena, Granarolo, Coprob, Virgilio, Parmigiano Reggiano, Casa Modena, Ismea, Fondazione Osservatorio Agromafie, Crea.

Articolo precedenteDiano Marina: seconda Pasqua in rosso, crisi economica e sanitaria. Chiappori “Danno enorme, vaccini? Puntiamo su un centro nel golfo”
Articolo successivoTaggia, Toti all’hub vaccinale: “Provincia di Imperia partita con grande slancio. Zona rossa dopo Pasqua? Decisione nel pomeriggio”