video

Come tutti i comuni della nostra provincia, anche Ospedaletti sta facendo i conti con un aumento dei casi di positività al Covid test. Dolorose chiusure e le pesanti restrizioni imposte dalla Regione Liguria non hanno dato al momento gli esiti sperati, e la seconda Pasqua blindata è ormai in archivio.

“Il ponte di Pasqua purtroppo è stato un ‘ponte rosso’ – dice Daniele Cimiotti sindaco di Ospedaletti – che non ha portato quello che tutti speravamo portasse. Tutto chiuso, qualche seconda casa aperta, un po’ di asporto dai nostri ristoranti ma assolutamente insufficiente per cercare di iniziare a recuperare le grandi perdite subite sinora”.

“Ho notato che il comportamento della gente qui è stato generalmente corretto a parte qualche raro caso che non è sfuggito alle forze dell’ordine con qualche sanzione elevata. Purtroppo però il virus continua a diffondersi, noi non avevamo mai avuto numeri così elevati. Siamo passati da cinque, sette, dieci o dodici casi a oltre trenta ma fortunatamente quasi nessuno di questi risulta particolarmente grave e quindi possiamo dire che va abbastanza bene”.

“Da queste parti crescono i contagi ovunque – ribadisce il Sindaco di Ospedaletti – anche se era tutto chiuso e quindi ritengo che le attività commerciali aperte non siano il veicolo di diffusione del Covid”.

“Riguardo la situazione scuole è stata necessaria una mia Ordinanza – ricorda Daniele Cimiotti – dopo aver rilevato la positività in tre alunni ed in una collaboratrice scolastica, di conseguenza sei insegnanti e due classi sono entrate in quarantena. A quel punto non si poteva più tenere aperta la scuola ma adesso è di nuovo aperta, in presenza sino alla prima media e in ‘dad’ per la seconda e terza media”.

Articolo precedenteParere favorevole del Cal a modifiche legge urbanistica, l’assessore regionale Scajola: “Grande soddisfazione. Compresa volontĂ  di semplificare e creare opportunitĂ  di sviluppo”
Articolo successivoCovid e campagna vaccini: il punto con il dottor Luigi Muscio