daniele cimiotti

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa da parte del sindaco di Ospedaletti, Daniele Cimiotti:

Sul nuovo appalto della raccolta dei rifiuti mi corre l’obbligo di fare un po’ di chiarezza e dire le cose come stanno. Fino ad oggi ho evitato di scaricare colpe su ereditĂ  lasciate dalla precedente amministrazione, ma visto gli attacchi gratuiti ed infondati, mio malgrado mi vedo obbligato a difendere l’operato della nostra amministrazione.

Per quanto concerne il nuovo appalto per la raccolta dei rifiuti, l’amministrazione Blancardi deve semplicemente recitare il Mea Culpa.

La storia dell’attuale servizio di raccolta dei rifiuti inizia nel 2014 con la legge regionale del 24 febbraio 2014. Legge che ha dato il via ‘…all’individuazione degli ambiti ottimali per l’esercizio delle funzioni relative al servizio idrico integrato e alla gestione integrata dei rifiuti…’

Successivamente a questa legge furono determinati gli ambiti e con delibera nr. 12 del 27/06/2017 la Giunta Blancardi approva il protocollo d’intesa tra i comuni di Airole, Apricale, Bordighera, Camporosso, Castelvittorio, Dolceacqua, Isolabona, Olivetta San Michele, Ospedaletti, Perinaldo, Pigna, Rocchetta Nervina, San Biagio Della Cima, Seborga, Soldano, Vallebona, Vallecrosia, Ventimiglia e l’amministrazione provinciale di Imperia per la gestione associata del servizio integrato di igiene ambientale.

In questa delibera si approva come comune capofila il comune di Ventimiglia.

Con delibera Nr. 8 del 06/07/2017 del consiglio comunale l’amministrazione Blancardi approva lo schema di convenzione tra i 18 comuni del bacino ventimigliese per la raccolta dei rifiuti.

Il primo ottobre 2018 l’assemblea dei sindaci dell’ambito ventimigliese, (di cui fa parte il comune di Ospedaletti) con le delibere 4 e 5, approva il progetto definitivo ERICA per la gestione dei rifiuti e la delibera Nr. 5 definisce in 11 il nr. delle eco-isole per Ospedaletti, gli automezzi da utilizzarsi, il nr. degli operai, degli impiegati, ecc. Queste due delibere sono quelle che hanno definito il pasticcio di come si svolgerà la raccolta dei rifiuti nel comune di Ospedaletti. Ma la cosa veramente strana è che nessun rappresentante del Comune di Ospedaletti era presente a queste due assemblee! Ottimo modo di amministrare…

Il 19 marzo 2019 l’amministrazione Blancardi, questa volta presente all’assemblea dei sindaci riunita presso la sala consiliare del comune di Ventimiglia, APPROVA il progetto definitivo ed il Capitolato Speciale di Appalto che sarà messo in gara, in altre parole nessuna altra modifica si sarebbe potuta apportare al capitolato d’appalto, i giochi erano chiusi.

A questo punto, l’amministrazione Cimiotti, insieme con il voto della minoranza, non ha potuto fare altro che approvare all’unanimità, con delibera C.C. nr. 35 del 30/09/2019, alcune minori modifiche alla convenzione relative alla metodologia di pagamento, e con delibera C.C. nr. 31 del 27/09/2021 e sempre all’unanimità è stato approvato il regolamento comprensoriale, mentre il progetto ed il capitolato d’appalto sono rimasti quelli approvati dall’amministrazione Blancardi nel 2017 e poi nel marzo 2019 come sopra riportato.

Da tenere presente, che l’amministrazione Cimiotti si è insediata il 28 maggio 2019.

Ciò nonostante l’amministrazione Cimiotti, resasi immediatamente conto dei problemi insiti nel progetto e nel capitolato, ha immediatamente messo in atto una serie di accorgimenti per migliorare il servizio. Infatti, partecipando e vincendo un bando PNRR sui rifiuti, per un valore di circa 300 mila euro, si potranno aumentare le eco-isole da 11 a 16 con un’opzione per altre 4 eco-isole a cassonetti informatizzati, quasi raddoppiando il numero di eco-isole approvate dall’amministrazione Blancardi. Inoltre, in questo momento è in atto la rimodulazione delle ore per poter ottenere più uomini da dedicare allo spazzamento e quindi migliorando sensibilmente la pulizia delle strade e dei marciapiedi.

Quanto sopra esposto, dimostra al di là di ogni ragionevole dubbio che l’amministrazione Cimiotti, pur avendo ereditato un grosso pasticcio, ha fatto e sta facendo il possibile per porvi rimedio e che non ha aumentato la TARI come vorrebbero far credere, ma ha semplicemente dovuto inserire l’extra costo del trasporto alla discarica in provincia di Savona, in quanto la discarica di Taggia è ormai piena.

Gli atti pubblici di quanto sopra descritto sono consultabili presso l’ufficio ambiente del Comune”.