Più di 100 persone identificate, 60 veicoli e 10 esercizi pubblici controllati, 1 arresto per rapina e 3 denunce a piede libero. Questo il bilancio dell’operazione denominata “Alto impatto”, che ha visto nel pomeriggio di ieri trenta agenti della Polizia di Stato passare al setaccio il centro storico di Sanremo. L’operazione ha visto l’impiego di sei pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Genova, appositamente richieste.

In particolare, l’arrestato, un tunisino di 31 anni, clandestino e già espulso dal territorio nazionale, è stato fermato durante i controlli perché riconosciuto dagli agenti in quanto autore di una rapina commessa lo scorso 23 ottobre ai danni di una anziana donna. Lo straniero, al momento del controllo, aveva con sé anche un coltello, che è stato sequestrato, e per questo sarà processato anche per porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

Tre gli stranieri identificati e denunciati all’Autorità Giudiziaria: un cittadino algerino inottemperante all’ordine di lasciare il territorio nazionale; un romeno di 60 anni per aver rubato all’interno di un supermercato; un algerino riconosciuto come autore dello scippo della borsa ai danni di una giovane donna di nazionalità ucraina.

“L’operazione – fanno sapere dalla Questura – rappresenta una prima risposta che il Questore Cesare Capocasa ha voluto dare ai tanti abitanti della zona stufi di assistere allo spaccio di droga e alle conseguenti risse fra stranieri per spartirsi le zone di spaccio, nonché ai tipici reati di criminalità diffusa che purtroppo si verificano nel centro storico”.