Tra le iniziative di più ampia rilevanza internazionale all’interno della 18esima edizione di Olioliva, la festa dell’olio nuovo di Imperia, questa mattina si è svolto una tavola rotonda, dal titolo ‘2018 anno del cibo italiano: etica, cultura e identità’, all’auditorium della Camera di Commercio.

    “Abbiamo ripreso il messaggio nazionale del cibo italiano. Abbiamo accolto l’iniziativa del Governo e l’abbiamo coniugata a livello territoriale,” spiega Enrico Lupi, presidente di PromImperia, organizzatrice dell’evento.

    Un convegno che ha affrontato il cibo sotto varie punti di vista con relatori di altissimo livello tra cui Mons. Antonio Suetta, dott. Alberto Grimelli, prof.ssa Roberta Garibaldi, ten. col. Mario Fiordaliso, prof. Franco Manti, dott.ssa Beba Molinari e dott.ssa Natasha Cala.

    “Dal rapporto tra cibo e spiritualità, al legame tra cibo e turismo. Abbiamo parlato di comunicazione, sicurezza, etica e cultura. Queste le varie tematiche affrontate sempre in relazione ai nostri prodotti d’eccellenza e con l’aiuto di Paolo Massobrio, moderatore del convegno,” continua Lupi.

    L’intento comune di PromImperia, e dell’amministrazione comunale, è quello di trasformare Olioliva in una manifestazione sempre più culturale, informativa e di intrattenimento andando a integrare la parte espositiva, cuore dell’evento.

    “Credo che quello di oggi sia il segnale tangibile che Olioliva è soprattutto cultura oltre che esposizione di prodotti,” conclude Lupi.

    “Un convegno di approfondimento culturale che va a qualificare una volta di più questo evento come una manifestazione non solo commerciale,” aggiunge Giuseppe Fossati, vicesindaco di Imperia, anche lui presente questa mattina.