Le abbondanti piogge primaverili e l’afa di questi giorni fanno ben sperare i produttori di olio ligure. Gli alberi sono carichi di frutti grossi e non intaccati dalla mosca olearia, tenuta lontana dal gran caldo verificatosi questa estate.

    Al momento quindi i produttori sono riusciti a evitare l’utilizzo di veleni e il prodotto finale dovrebbe risultare così più biologico.

    “La stagione olearia si prospetta un’annata storica – ha commentato con entusiasmo l’imprenditore agricolo Giuseppe Ardissone. – Ci sono stati fattori meteorologici perfetti, con acqua abbondante e sole pieno. Le olive sono incredibili, forti e sane con la giusta percentuale all’interno di olio e acqua. Se il clima rimarrà così dovremmo fare l’annata migliore che l’ultimo secolo si ricordi. Nella valle dianese in particolare vediamo una carica totale che fa presagire l’annata storica; speriamo di portarla a casa”.

    I danni da gelate, che hanno messo in ginocchio alcune zone d’Italia, sono stati circoscritti nel Ponente ligure, in quanto hanno colpito alcune zone montane dell’estremo Ponente.