Nessun controllo al confine, via libera per frontalieri, studenti e turisti giornalieri. Scullino...

Al termine della riunione di questa mattina nella sala consigliare di Ventimiglia, anche il sindaco Gaetano Scullino è intervenuto per chiarire la posizione dell’amministrazione pubblica da lui guidata sulle decisioni emanate dal ministro Speranza riguardo ai controlli alla frontiera con la Francia.

La decisione del Ministro della Sanità ha destato grandi preoccupazioni in città – conferma – anche se ci risulta qualche difficoltà nell’interpretarla. Nell’arco delle 36 ore noi riteniamo che si tratti di ‘transito’ che dunque non necessita di controlli particolari. Poi ci sono i frontalieri che noi riteniamo assolutamente esclusi da questa ordinanza, e tutti i nostri studenti che frequentano l’università di Nizza così come i giovani francesi che sono iscritti alla scuola italo-francese di Ventimiglia”.

“Se questa nostra interpretazione è corretta – spiega il Sindaco – per noi va benissimo. Devo dire che noi abbiamo ben quattro valichi di frontiera, oltre a Fanghetto, e non c’è nessuna autorità sanitaria che ad oggi sta svolgendo questi controlli”.

“Questa mattina c’è stata una riunione con tutti le categorie sindacali dei commercianti – dice Scullino – e comunque ci si deve rendere conto che siamo al confine con una zona che desta preoccupazione così abbiamo chiesto ai commercianti e ai loro rappresentanti di far rispettare tutte le norme anti Covid. Già da tempo, in accordo con la direzione dell’Asl n.1, abbiamo aperto un centro di prelievi nel piazzale della Protezione Civile a disposizione dei nostri cittadini con particolare riguardo nei confronti degli studenti”.

“Se la decisione del ministro Speranza va nella direzione che ho detto per noi va bene – conferma – ma emetteremo un’ordinanza che impone di portare la mascherina sempre, all’aperto come al chiuso, chiedendo ai commercianti di controllare e far rispettare le norme. Per noi la salute pubblica è al primo posto, aiutateci ad aiutarvi”.