monesi frana

Il Comune di Mendatica ha ricevuto dal Ministero dell’Interno un contributo pari a 545mila euro per la progettazione esecutiva degli interventi finalizzati alla sistemazione della frana che nel 2016 ha causato danni ingenti all’abitato di Monesi di Mendatica.

Le risorse ottenute rappresentano un ulteriore importante tassello rispetto a tutte le azioni sino ad oggi intraprese e per le quali sono stati ottenuti dalla Regione Liguria finanziamenti per 3 milioni di euro già utilizzati per la prima messa in sicurezza della frana, il monitoraggio nei Comuni di Mendatica e Triora, la sistemazione del ponte sul Rio Bavera e la realizzazione del bypass stradale di collegamento con l’abitato di Monesi, oltre ai fondi ottenuti dal Piano di Sviluppo Rurale per la di ricostruzione degli acquedotti e fognature fortemente compromessi dalla frana.

La partecipazione al bando ministeriale da parte dell’Amministrazione comunale consentirà quindi di progettare tutti gli interventi ancora necessari alla messa in sicurezza definitiva della paleofrana, le cui dimensioni si attestano su di una superficie di mezzo chilometro quadrato ed un volume stimato in oltre 10 milioni di metri cubi.

Per la sistemazione definitiva saranno necessarie ulteriori risorse ad oggi stimate in circa 6 milioni di euro di lavori.

Il Sindaco Piero Pelassa esprime enorme soddisfazione per quanto ottenuto ed evidenzia comunque che la sinergia fra Enti sino ad oggi intrapresa, aggiunge importanti tasselli ad un ritorno alla normalitĂ  della frazione ed al rientro in sicurezza nelle proprie abitazioni da parte dei proprietari.

Articolo precedenteElezioni, Giacomo Chiappori: “I consiglieri regionali non rieletti riceveranno un assegno dai 45.000 ai 90.000. IndennitĂ  di fine mandato? Sarebbe piĂą corretto chiamarla indennitĂ  di forchetta”
Articolo successivoSanremo, torna “A tavola sul Porto Vecchio”: dal 7 al 9 settembre piatti della tradizione e musica