Credits: Giorgio Amborno

Lo scorso sabato 31 luglio Bajardo è stato teatro di un avvenimento eccezionale: per la celebrazione del settecentenario della morte del Sommo Poeta le “Bajardo Lectures” hanno ospitato una conferenza dal titolo “Le arche di fuoco: Farinata degli Uberti e altri eretici” a cura dell’Accademico della Pigna Marco Innocenti, il quale ha illustrato con la sua consueta precisione e chiarezza la complessa architettura del canto X dell’Inferno di Dante.

Il canto stesso ha poi “preso vita” grazie alla voce e alla notevole teatralità di Gioacchino Logico, che ha saputo davvero emozionare il nutrito e attento pubblico presente. A concludere l’intenso pomeriggio sono state le parole del Conte Pier Felice degli Uberti, genealogista di fama mondiale e discendente di Farinata, ospite d’onore dell’evento giunto appositamente da Bologna.

Con il suo dire pacato e ricco di riferimenti storici e genetici, nonché con la sua gentilezza e umiltà, il Conte ha ammaliato i presenti, ringraziando inoltre l’Accademia per l’invito e il Comune di Bajardo per sostenere iniziative di alto profilo culturale. Le “Bajardo Lectures” proseguiranno domenica 8 agosto con una serata dedicata alla Lirica.

Articolo precedenteFesta a Ciabaudo: anche quest’anno si trebbia il grano
Articolo successivoCostarainera, grande partecipazione al torneo di pallacanestro ‘Costa4’