dav

Il restauro della pala d’altare seicentesca presente nella chiesa di Nostra Signora della Montà di Molini di Triora, finanziato lo scorso anno con i proventi del 2 x mille grazie ad un progetto dell’Ancos (Associazione Nazionale Comunità Sociali e Sportive) della Confartigianato, è stato scelto come immagine simbolo della campagna nazionale.

L’opera raffigura Santa’Anna Meterza, la sacra Famiglia e San Giovanni Battista Bambino. Il restauro è stato realizzato dal Laboratorio Bonifacio con sede a Bussana di Sanremo, specializzato in restauro e conservazione di opere d’arte, sotto la supervisione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Liguria. L’opera, che si credeva perduta da tempo, era stata ritrovata smembrata ed accatastata con del legname nell’oratorio della Maddalena di Molini di Triora. Il lavoro è durato più di un anno e non ha avuto alcun costo per la collettività, grazie al finanziamento ottenuto tramite i proventi del 2 x mille grazie ad un progetto dell’Ancos Confartigianato.

“L’Ancos, grazie alle attività portate avanti fin dalla sua nascita , è uno dei soggetti ammessi alla ripartizione del 2 e del 5 per mille, utilizzati per finanziare progetti di carattere sociale e culturale – aveva spiegato durante la presentazione a Molini di Triora il Presidente di Ancos Confartigianato Imperia Antonio Sindoni – Tra le iniziative attuate in provincia di Imperia negli scorsi anni, in tema sociale e di volontariato, si ricorda la donazione di un defibrillatore alla palestra di villa Citera a Sanremo e di un pulmino per disabili al Don Orione. Nel 2020, come opera da finanziare con i proventi del 2 x mille, l’Ancos di Imperia aveva individuato il restauro del polittico ‘Sacra famiglia con Sant’Anna e San Giovannino’. Una scelta dettata dalla volontà di diffondere il valore di opere che rappresentano il patrimonio artistico, artigianale, storico e culturale del territorio”.

“Il manufatto si trovava in un generale e preoccupante stato di cedimento – aveva spiegato Riccardo Bonifacio – La situazione conservativa era drammatica: la superficie cromatica era quasi illeggibile a causa dello spesso strato di vernice ossidata e di depositi di sporco consolidati nel tempo, inoltre presentava diffusi sollevamenti e numerose  cadute di colore, mentre gli strati pittorici erano offuscati e quasi illeggibili. La soasa era interessata da un’ improbabile ridipintura sommaria in stile naif. L’intervento di restauro oltre a portare alla scoperta di un opera dall’alto valore artistico e dell’autore, ha portato alla luce anche  l’iscrizione che era solo parzialmente visibile alla base della pala recante i nomi della committenza e della data di realizzazione dell’opera (PETRUS ALARIA.Q.LUCE DE MOLINI ET DE PROPRIO DOTAVIT, TE FIERI, VTI MASSARIUS CURAVIT. 1613)”.

Articolo precedenteBenessere degli animali, il consigliere forzista Muzio avanza una proposta di legge regionale
Articolo successivoSanremo, la Giraglia e la ‘bonaccia’. Domani parte la regata ma il poco vento azzera i pronostici