È stato presentato questa mattina, in conferenza stampa, il progetto “Missione Pelagos: balene e delfini dei nostri mari“. Si tratta di un progetto didattico per le scuole incentrato sul Santuario Pelagos, la grande area marina sovranazionale per la tutela dei cetacei, comprendente le acque del mar Ligure, di Corsica e del Tirreno e popolata da otto specie di mammiferi marini.

Presenti alla conferenza Roberta Cento Croce, responsabile del progetto per i Soroptimist Club, Sabina Airoldi, Project Manager di Tethys Onlus, Maddalena Jahoda, comunications manager di Tethys Onlus e Chiara Servolini, responsabile didattica della Cooperativa Verdeacqua.

Il progetto ha visto la realizzazione di una piattaforma online contenente materiale multimediale strutturato per la scuola primaria e secondaria di primo grado, pensato per le realtà affacciate sulle coste tirreniche e specialmente indirizzato alle Amministrazioni dei centosedici Comuni che, con l’adesione alla Carta di Partenariato concepita per il Santuario Pelagos, si sono impegnate a promuovere la conoscenza del prezioso patrimonio naturalistico marino.

Promozione che, però, si scontra talora con la carenza di risorse, quali Insegnanti appositamente formati, materiale didattico specifico, strumenti multimediali attraenti, all’altezza delle aspettative dei nativi digitali. Il progetto “Missione Pelagos” colma questa lacuna e non si sarebbe potuto realizzare in tali dimensioni senza la presenza e il sostegno finanziario del Soroptimist International, che lo promuove con quattordici Club: Apuania, Costa Etrusca, Gallura, Genova, Genova 2, Isola d’Elba, La Spezia, Lamezia Terme, Livorno, Lucca, Sanremo, Savona, Tigullio, Vittoria.

In questo modo, il progetto sarà reso disponibile a tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado dei Comuni che vi aderiranno, in cambio di un contributo simbolico.

Missione Pelagos è realizzato dall’Istituto Tethys che da oltre tre decenni conduce ricerche sui cetacei del Santuario, insieme con Verdeacqua, Cooperativa specializzata in campo didattico, scientifico e ambientale. A questi partner, si sono rivolti i Soroptimist Club in occasione del loro centenario, per una forte azione ambientale indirizzata agli scolari, nella convinzione che essi costituiscono i veri opinion leader delle famiglie e fungono da tramite verso l’intera collettività.

Missione Pelagos conterrà tre diverse sezioni per gli alunni, differenziate per fasce di età, e una dedicata alla formazione degli Insegnanti. In una prima fase, avviata in questi giorni, la versione pilota del progetto sarà messa a disposizione di quattordici scuole prescelte dai Soroptimist Club, mentre l’impiego della piattaforma completa sarà proposto a tutti i Comuni interessati alla sua diffusione nelle scuole del territorio, all’inizio del nuovo anno scolastico 2021- 2022.

Oltre al materiale e all’esperienza di prima mano dell’Istituto Tethys, che a suo tempo fu il proponente dell’idea stessa del Santuario, si ringrazia la Guardia Costiera, impegnata proprio nella salvaguardia dei cetacei e dell’ambiente marino, per il suo contributo ai contenuti della piattaforma.

Roberta Cento Croce, responsabile del progetto per i Soroptimist Club: “Siamo convinti che questa realtà, che ci è così vicina, debba essere conosciuta di più. Siamo molto convinti di questo progetto, perché risponde a diversi scopi alti, a partire da quello etico. Abbiamo anche uno scopo didattico importante, quello di insegnare ai bambini che l’approccio scientifico è uno strumento importante nelle progettualità del futuro. Questi bambini capiranno anche che i progetti devono essere presi in mano e applicati. Sarà questa la via per il loro futuro: i giovani devono imparare a conoscere, progettare e mettere in atto le proprie idee”.

Sabina Airoldi, Project Manager di Tethys Onlus: “Tantissime persone che vivono in zona non sanno neanche che il Santuario Pelagos esista. Sappiamo che la conservazione passa anche dalla conoscenza e dall’amore di questo immenso patrimonio, vogliamo quindi fornire questo importante strumento. Abbiamo preparato un prodotto di qualità elevatissima che vorremmo mettere a disposizione delle scuole”.

Chiara Servolini, responsabile didattica della Cooperativa Verdeacqua: “Gli ecosistemi funzionano proprio perché sono dei sistemi complessi. Questo sito che abbiamo creato è molto ampio come contenuti e metodologia, suddiviso per fasce d’età. Il progetto è nato per valorizzare il Santuario Pelagos, proteggendo i cetacei proteggo anche gli altri organismi che popolano i nostri mari. Il sito contiene un’area docenti, che può essere utilizzata da insegnanti e alunni, con materiali scaricabili. Il sito contiene anche una sezione dove poter caricare i lavori realizzati dalle classi stesse, a testimonianza dell’impegno degli alunni sull’argomento. Una sezione del sito è dedicata invece al gioco, per mettersi alla prova divertendosi. Abbiamo creato anche il ‘Cetogioco’, che permette ai ragazzi di entrare nel mondo di questi animali”.

Il Soroptimist International, fondato nel 1921, è una organizzazione di donne impegnate in attività professionali il cui fine era ed è di dar vita a un mondo dove le donne possano realizzare il loro potenziale individuale e collettivo, le loro aspirazioni e avere l’opportunità di creare forti comunità pacifiche. Le Soroptimiste promuovono azioni e condizioni per trasformare la vita delle donne attraverso la rete globale delle Socie e la cooperazione internazionale.
Associazione diffusa nei cinque Continenti, il Soroptimist contribuisce all’intesa tra i popoli e le culture; si impegna a servire le comunità locali e a partecipare attivamente alle decisioni a tutti i livelli della società. Sue rappresentanti sono attive presso Istituzioni nazionali e sovranazionali. Il Soroptimist sostiene i diritti umani per tutti, la pace nel mondo e il buon volere internazionale, la trasparenza e il sistema democratico delle decisioni, il volontariato, l’accettazione delle diversità e l’amicizia. Fra i principali obiettivi, emergono l’interesse per l’ambiente, sia naturale sia antropizzato, e la sensibilizzazione alla sua tutela.

L’Istituto Tethys Onlus Ã¨ una organizzazione senza fini di lucro fondata nel 1986 e dedicata alla conservazione dell’ambiente marino attraverso la ricerca scientifica e la sensibilizzazione del pubblico. In oltre tre decenni di attività, Tethys ha prodotto uno dei più vasti dataset sui cetacei del Mediterraneo, comunicando i risultati delle proprie ricerche attraverso centinaia di pubblicazioni scientifiche. Nel 1991 è stato primo a concepire e proporre la creazione di un’area protetta emblematica, il Santuario Pelagos per la conservazione dei mammiferi marini del Mediterraneo, la prima al mondo istituita oltre le giurisdizioni nazionali. Nell’ambito di un programma di citizen science che oggi è tra i più lunghi al mondo, Tethys ha coinvolto nelle attività in mare, dal 1987, migliaia di persone di ogni nazionalità come collaboratori non-specialisti. Le attività di Tethys sono possibili grazie a finanziamenti governativi e della Comunità Europea, a donazioni private e al contributo dei partecipanti ai campi estivi aperti al pubblico.

Verdeacqua Ã¨ una cooperativa dall’elevata specializzazione in campo didattico, scientifico e ambientale, formata principalmente da naturalisti e biologi. Dal 1994 è sezione didattica dell’Acquario Civico di Milano, maturando la propria esperienza sia all’interno del “Museo” sia sul territorio. Realizza attività e progetti, didattici e di edutainment, per soggetti dall’età infantile fino all’età adulta, con una forte predisposizione alla formazione nel campo delle nuove tecnologie, rivolgendosi agli appassionati delle Scienze della Natura. In questi anni ha creato una rete di contatti con altri musei e realtà del territorio realizzando progetti anche in altre regioni, come la Liguria, la Sardegna, la Toscana, l’Emilia Romagna, il Lazio e il Piemonte. La missione di Verdeacqua è quella di trasmettere e divulgare un sistema di conoscenze, metodi ed esperienze attraverso le quali i cittadini, a partire dai più giovani, sviluppino una “coscienza ambientale”, assumendo comportamenti corretti, responsabili e sostenibili al fine di preservare e avvalorare gli ambienti e le risorse naturali, con un’attenzione particolare all’ambiente marino.

Articolo precedente“Eccellenze in digitale”: giovedì 22 aprile webinar gratuito per imparare l’uso di Facebook e Instagram a fini commerciali
Articolo successivoTari, Imperia maglia nera della Liguria: nel periodo 2016/2020 rincari del 21,8%