Ieri mattina il sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano, ha incontrato il Comitato di quartiere delle Gianchette, dove ha annunciato l’inizio dei primi trasferimenti al centro di accoglienza del Parco Roja delle famiglie con bambini che erano ospitate dalla Chiesa di Sant’Antonio.

Da molto tempo infatti, il quartiere sopporta e subisce i malcontenti legati al fenomeno migratorio. A creare particolare disagio, sono le tante persone che dormono e bivaccano sull’argine del fiume Roja e invitate, già in passato, a recarsi al centro del Parco Roja.

Nel frattempo, sono state disposte due ordinanze che prevedono una, il taglio della vegetazione lungo l’argine, in vista della prossima stagione e della conseguente crescita del fiume e l’altra, la chiusura degli spazi sotto il ponte, spesso utilizzati dai migranti come rifugio.

L’opposizione invita il prefetto Silvana Tizzano ad intervenire tempestivamente perché la situazione sta diventando fuori controllo e bisogna garantire maggiore sicurezza alla città e ai suoi abitanti.

Articolo precedenteIl ‘prog’ dei Delirium inaugura la rassegna “D’autore e d’amore”
Articolo successivoCasinò di Sanremo: tanti spettacoli ad agosto, domani il jazz di Karima