[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/200635849″]Nel 2013, i rapper tabiesi Nicolò Rivaletto e Alex Mussa, in arte “River Le Fou” e “Salem”, incontrano a Genova il beat-maker Alessandro Comandini, in arte “Il Grizzly”.

Questo incontro casuale porta alla nascita del gruppo rap Mental Slug e, soltanto pochi mesi dopo, alla pubblicazione di un album.

Riviera Time ha incontrato i Mental Slug per fare il punto sulla scena rap del Ponente ligure.

“Poca originalità e poca voglia di rischiare,” questi i principali problemi secondo i membri del gruppo.

“Fare qualcosa di originale nel 2017 non è facile – spiega Alessandro Comandini -, ma è l’unico modo per rilanciare il rap ponentino.”

Articolo precedenteGiuseppe Venturelli, da Crema a Sanremo nel segno della musica
Articolo successivoGlori: storia di un borgo e speranze future