video

Reinventarsi in tempo di pandemia. Così è stato per Melissa Mingione, 34enne di Ventimiglia, che ha deciso di affrontare il periodo di crisi trovando un nuovo mestiere. Non un lavoro qualsiasi, bensì una novità, che sta prendendo piede soprattutto nelle grandi città: si chiama closet organizer, in italiano organizzatrice di armadi.

“Lavoravo in un negozio di abbigliamento per bambini – racconta ai nostri microfoni – un giorno dal nulla mi è venuto in mente che sarebbe stato fantastico mettere in ordine gli armadi delle persone. Nel 2020 ho deciso di buttarmi e sta funzionando. Le persone mi contattano, mi mandano le foto del guardaroba, decidiamo se eliminare il superfluo. Di solito impiego due giornate per portare a termine il lavoro”.

I clienti mantengono l’ordine nel tempo? “Sì, tutti – risponde. – Dopo circa una settimana scrivo sempre al cliente per sapere come sta andando. Nessuno, ad oggi, mi ha detto che non è riuscito a mantenerlo. Se hai la volontà di migliorarti vuol dire che dentro di te è scattato qualcosa”.

Articolo precedenteEntroterra ligure: pubblicate le graduatorie del bando botteghe ter. L’assessore regionale Benveduti: “Sostegno ad altre 33 imprese. Pronto un nuovo rifinanziamento”
Articolo successivoCia: al via “Dal Campo alla Tavola” primo e-commerce degli agricoltori, con il sostegno di J.P. Morgan