[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/216383237″]Si è chiusa oggi la quinta edizione di Meditaggiasca, l’evento annuale dedicato all’oliva taggiasca e ai prodotti d’eccellenza della nostra terra.

Protagonista, oltre la rinomata oliva nostrana, anche il Moscatello di Taggia, vino storico del Ponente ligure, dimenticato nei secoli e riscoperto solo di recente.

“Nonostante la pioggia, siamo molto soddisfatti di questa edizione. Tanti i visitatori e gli appassionati del buon cibo,” spiega Luciano Beranger, Presidente dell’associazione L’Oro di Taggia, organizzatrice e promotore dell’evento assieme all’Associazione Produttori Moscatello di Taggia e Witaly.

“Il nostro primo scopo – continua – è quello di far conoscere i nostri prodotti e il nostro olio fuori dalla provincia di Imperia. Abbiamo invitato chef stellati da tutta Italia nella speranza che si facciano promotori della taggiasca.”

Articolo precedentePorta-a-porta a Sanremo, domani parte il rush finale
Articolo successivoLa cucina di Andrea Masala a Meditaggiasca