C’è anche un arresto a Ventimiglia nella maxi operazione a livello nazionale contro l’ndrangheta che ha visto 50 persone finite in manette.

La Polizia di Stato nell’ambito dell’operazione “Cumps-banco nuovo” coordinata dalla direzione antimafia di Reggio Calabria e condotta nei confronti di un’organizzazione di ‘ndrangheta, ha arrestato a Ventimiglia,Giuseppe Gallo, trovato in possesso di più di mezzo chilo di cocaina.

La riorganizzazione degli assetti della ‘ndrangheta sul territorio di Brancaleone ha dato origine ad un “Banco nuovo”, ovvero una nuova “locale” caratterizzata dalla spiccata tendenza degli affiliati a controllare i lavori e le opere pubbliche del comune.

L’operazione condotta dalla squadra mobile della questura di Reggio Calabria ha svelato l’esistenza di una pericolosa cellula di ‘ndrangheta di nuova generazione definita Cumps.  In tale contesto la squadra mobile della questura di Imperia ha rintracciato Giuseppe Gallo nella sua casa presso la città di Ventimiglia.

Durante la perquisizione dell’abitazione ha consentito agli agenti di scoprire una mattonella di cocaina del peso di 753 grammi.

L’operazione odierna conferma quanto sia attuale l’interesse delle organizzazioni mafiose di matrice ‘ndranghetista per il territorio imperiese, in particolare per la città di Ventimiglia, anche in ragione della sua collocazione territoriale a ridosso del confine francese.

 

Articolo precedenteCrisi industriale a Ponente: persi 2700 occupati in due anni
Articolo successivo1994 – Le cantine di Villa Faraldi si trasformano in gallerie d’arte