Maturità 2020: ecco come cambia l'esame per gli studenti di Imperia

Mancano poco più di due settimane alla prova di Maturità, la fase conclusiva delle scuole superiori di secondo grado. Tante le novità di quest’anno dovute all’emergenza coronavirus, che negli ultimi mesi ha rivoluzionato il mondo della didattica.

La novità principale riguarda l’eliminazione delle prove scritte, sostituite da un maxi orale che si farà in presenza, nel rispetto delle misure di sicurezza. L’esame sarà così articolato: presentazione di un elaborato su un argomento delle materie di indirizzo, discussione di un breve testo di letteratura italiana, discussione interdisciplinare su un argomento assegnato dalla commissione, esposizione dell’esperienza PCTO (ex Alternanza Scuola-Lavoro) e domande sulle attività di Cittadinanza e Costituzione.

La data di inizio del maxi orale è fissata per il 17 giugno.

“L’esame si svolgerà mediante un colloquio orale di un’ora, con una comissione composta da professori interni e un presidente esterno – spiega Joele Corigliano, rappresentante della Consulta Provinciale Studenti per il Liceo Amoretti e il Liceo Artistico di Imperia.

“È una Maturità un po’ anomala – prosegue – ci sono stati ritardi e confusione sulle modalità di svolgimento delle prove”. In questi mesi si è parlato di un possibile annullamento dell’esame: “Personalmente – spiega Joele – penso che si debba fare, perché è come mettere la parola fine ad un percorso durato 5 anni. Penso sia giusto così.

È una Maturità come tutte le altre – conclude – fatta in altri modi. La mole di studio è sempre quella, non vedo la differenza tra studenti di serie A e studenti di serie B, come molti dicono”.

L’intervista integrale è visibile nel video-servizio presente a inizio articolo.