“Vogliamo ringraziare tutti gli ormeggiatori di Marina degli Aregai, i pompieri, i sommozzatori e la capitaneria di porto. Senza il loro lavoro quello che ora è una piccola disavventura, sarebbe potuto trasformarsi in un grave incidente,” sono queste le parole di Giovanni Padovano e Matteo Stefanetto Prochet, gli armatori dello yacht in legno ‘My Way’ che questa notte ha rischiato di affondare nel porto di Marina degli Aregai.

Dai cantieri, dove la barca si trovava per manutenzione, i due si stavano dirigendo verso il porto quando si sono accorti di imbarcare acqua. Nessuna falla, per fortuna, ma un mal funzionamento delle pompe.

Appena attraccati, i soccorsi sono stati immediati e dopo l’intervento dei pompieri che hanno pompato interamente l’acqua imbarcata, il peggio è passato.

Nei prossimi giorni saranno necessari alcuni lavori, ma la barca non è più a rischio.

A Riviera Time i due armatori raccontano la spiacevole esperienza.