[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/220816463″ videoadsurl=”https://vimeo.com/236432438″ adsurl=”http://www.rivierarecuperi.com/”]L’ospite di oggi dell’intervista di Riviera Time è il responsabile provinciale di Forza Italia e assessore Regionale, Marco Scajola, che ha fatto il punto sulla situazione politica a poche ore da elezioni importanti. “L’unità del centrodestra ci permette di giocarcela in posti, come Genova e La Spezia, dove un tempo non toccavamo palla”, ha detto Scajola, che ha poi parlato dell’innalzamento dei toni della campagna elettorale di Taggia: “Ho letto. Mi spiace per le offese a Mario Conio, che ha messo in piedi un bel progetto civico”.

Ampia pagina dedicata a Imperia. Marco Scajola ha replicato al sindaco Carlo Capacci, che su Facebook lo aveva sferzato sulla vicenda dell’ex Caserme Crespi. “Credo che Capacci sia distratto, che stia troppo in America e poco in Italia. Io sul territorio ci sono. È lui che non vede che Imperia è ormai una città in ginocchio”, ha detto.

E sulle sue ambizioni romane ha dichiarato: “fa piacere essere accostati a importanti ruoli romani. Non ne abbiamo ancora parlato. Personalmente sono molto felice di quello che stoi facendo. Ci sarà il tempo di ragionare. Il clima è sereno. Vedremo”.

Infine, Marco Scajola si è soffermato sull’identikit del possibile candidato sindaco a Imperia. “È ancora presto per fare nomi, la priorità adesso è l’unità del centrodestra. Il candidato dovrà comunque essere una persona coraggiosa, viste le condizioni di Imperia dopo cinque anni di amministrazione Capacci”.

Articolo precedenteRiva Ligure, inaugurato il nuovo centro prelievi
Articolo successivoVallecrosia, rubate due pistole nella caserma dei vigili