[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/246973058″]È stata una giornata difficile e di grande apprensione quella vissuta ieri nella città di Ventimiglia.

Le abbondanti piogge e l’ingrossamento del Roja hanno messo in allarme le autorità per la sorte dei migranti accampati sul greto del fiume che sono stati invitati a raggiungere i locali della stazione ferroviaria.

Sono circa 200 le persone che vivono ora per strada, compreso donne e bambini, che fino a qualche mese fa erano ospitati alla chiesa di Sant’Antonio in zona Gianchette.

Fortunatamente non vi sono stati incidenti gravi ma è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per salvare cinque migranti dalla piena del Roja.

Dopo aver passato la notte in stazione, la maggior parte dei migranti è tornata oggi nel fiume.

A Riviera Time, Don Rito Alvarez, parroco delle Gianchette, racconta gli attimi di tensione vissuti ieri e qual è ora la situazione in città: “A Ventimiglia non sono rispettati i diritti umani.”