Caro Presidente Giovanni Toti, cara Assessore Sonia Viale, abbiamo un problema. La gestione dell’emergenza coronavirus nel Tigullio è preoccupante. Solo gli ultimi due casi: due giorni fa, nel reparto di Medicina di Lavagna un uomo di 41 anni è deceduto dopo essere risultato positivo al COVID, nonostante due precedenti tamponi negativi. La casa di riposo Torriglia di Chiavari è passata in pochi giorni dall’essere una Residenza per anziani a dover essere isolata da tutti e commissariata come reparto COVID. (A proposito, il commissario l’avete nominato? Ad oggi mi pare di no).

È l’inizio di una lettera appello di Luca Garibaldi, consigliere Regionale PD, rivolta al presidente della Giunta Regionale Toti, l’Assessore alla Salute Viale e alle autorità sanitarie, ALISA e ASL 4, in merito alle ultime vicende legate alla gestione dell’emergenza coronavirus nel Tigullio. 

Ho cinque domande da farvi, quindi, a voi e ai dirigenti di ASL4 e di ALISA. (Le faccio qui, sui social, visto che in Consiglio da mesi non rispondete).

1) Tamponi: dopo gli ultimi contagi nei reparti e nelle RSA, qual è la situazione dei tamponi fatti per personale e pazienti degli ospedali e delle RSA nel Tigullio? Che screening si faranno nei prossimi giorni?
2) Strutture: qual è la condizione degli ospedali? Ci sono ancora ospedali no COVID? A Sestri, Rapallo, e Lavagna qual è la condizione dei reparti? Sono previste sanificazioni e interventi nelle strutture, anche nelle RSA?
3) Procedure: come è possibile aver ricoverato pazienti con sintomi sospetti in reparti no COVID? Non ci sono protocolli più stringenti?
4) Dispositivi: è vero che da alcuni giorni in tutti gli ospedali è stato richiesto al personale sanitario di indossare mascherine FFP2, con un livello di protezione in più? Per quali ragioni? È prevista la stessa misura di protezione anche per il personale non medico che lavora negli ospedali?
5) Laboratori: per quali ragioni la ASL 4 continua ad essere l’unica ASL ligure che non ha un proprio laboratorio di analisi dei tamponi, e quindi si deve appoggiare a quelli del San Martino che sono già particolarmente sotto stress? Sono cinque prime domande. Servono risposte rapide e iniziative chiare per capire come si voglia affrontare una situazione che rischia di assumere dimensioni ancora più preoccupanti. La Regione continua a lanciare messaggi tranquillizzanti e grandi proclami in vista dell’inizio della fase due. Per tornare alla normalità, bisogna prima superare l’emergenza ma, dalle ultime notizie, ne siamo ancora ben lontani, soprattutto nel Tigullio.”

Articolo precedenteImperia, 75° anniversario della Liberazione: la testimonianza di Caterina Garibbo Siri raccolta dall’associazione Libera Imperia
Articolo successivoConsegnate 1600 mascherine FFP2 alle case di riposo della provincia di Imperia