muretti-a-secco

L’Olio Dop Riviera Ligure, a braccetto con i muri a secco della nostra regione, conquista il Parlamento Europeo, entrando a far parte dei 24 esempi simbolo in Italia del legame tra cibo e cultura scelti tra oltre 800 DOP e IGP italiane.

La mostra “GEOGRAPHICAL INDICATIONS – ITALIAN CULTURAL HERITAGE”, che si svolge a Bruxelles dall’1 al 4 aprile, rappresenterà un percorso di conoscenza del patrimonio culturale italiano ( beni artistici e architettonici, opere letterarie, personalità illustri e molto altro ) legato alle Indicazioni Geografiche, realizzata dalla Fondazione Qualivita in collaborazione con Treccani, Aicig e Federdoc.

L’olio Dop Riviera ligure e i muri a secco rappresenteranno uno dei 24 casi emblematici selezionati nell’ambito dell’iniziativa Treccani Gusto – un progetto di ricerca realizzato nel 2018 in collaborazione con l’Istituto dell’Enciclopedia Treccani – per testimoniare come i prodotti a denominazione di origine siano da secoli elemento centrale nell’identità nazionale. Confermando l’Italia come il paese che presenta il maggior numero di prodotti a denominazione di origine ovvero DOP/DOC e IGP.

“L’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure è stato prescelto con un evidente riconoscimento alla qualità del prodotto nelle diverse menzioni geografiche e un riferimento all’eccezionalità di uno spazio agricolo che è stato realmente creato dall’uomo con un terrazzamento massivo di pendii scoscesi – sottolinea il presidente del Consorzio di Tutela dell’Olio Dop Riviera Ligure, Carlo Siffredi – . Per questo è importante il riferimento alla pratica della costruzione del muro a secco, una sapienza costruttiva ormai patrimonio immateriale dell’Umanità con una risoluzione dell’UNESCO, che rappresenta appieno la fatica e l’orgoglio delle nostre aziende”.

L’immagine principale del pannello relativo all’olio DOP Riviera Ligure è un connubio di pietre e alberi di olivo, in perfetta simbiosi. Un pannello che disporrà anche di un qr code che, inquadrato, rimanderà al sito internet del Consorzio di Tutela (www.oliorivieraligure.it) per tutti i possibili approfondimenti.

L’Olio Dop Riviera Ligure avrà come “compagni di viaggio” a Bruxelles DOP e IGP che hanno fatto la storia enogastronomica dell’Italia: dal Grano Padano al Prosciutto di Parma, dal Brunello di Montalcino al Passito di Pantelleria, dalla mozzarella di bufala campana al pecorino toscano.
Culture del cibo mai statiche e costantemente rinnovate e corredate di nuovi valori simbolici anche grazie al costante lavoro dei Consorzi di tutela e delle imprese nella valorizzazione dei prodotti e nell’opera di radicamento con il contesto di origine.
La mostra si inserisce nel progetto Qualicultura,  che nasce dall’esigenza di far emergere come negli anni le eccellenze agricole e agroalimentari tutelate dai marchi di qualità europei DOP, IGP e STG, si siano poste al centro dell’interesse collettivo. E non più solo come un’enorme risorsa economica capace di essere fattore di sviluppo dei territori, ma anche come una straordinaria occasione di rendere fruibile a tutti un’importantissima eredità culturale.

Un’eredità, quella dell’Olio DOP Riviera Ligure, che per quattro giorni ad aprile si imporrà all’attenzione del Parlamento Europeo.