Il nuovo romanzo (Leucotea Editore) uscito lo scorso giugno e scritto dallo scrittore sanremese Dario Daniele, con un contributo aggiuntivo di Sara Di Vittori, comincia a produrre i primi frutti: con il ricavato dalle vendite sono stati acquistati, tramite Assefa, alcune centinaia di borracce per i bambini delle scuole della stessa organizzazione, con l’obiettivo di limitare l’uso della plastica che nei villaggi indiani sta diventando un grosso problema.

Lo scorso anno, con ‘Vorrei essere un gatto’ (prima parte di una trilogia, detta ‘trilogia felina’ che si concluderĂ  a Natale con la terza e ultima parte), era stato finanziato un intero impianto per l’acqua potabile nel villaggio di K. Pudur (Tamil Nadu – sud dell’India).

“Mi è piaciuta molto – ci dice Dario Daniele – l’idea di Assefa di proseguire un discorso sull’acqua: l’acqua sarĂ  sempre l’elemento piĂš prezioso della nostra (e altrui) vita, e purtroppo diventerĂ  un’emergenza in molti Paesi del mondo. Ora, con il mio editore, stiamo lavorando al nuovo libro in uscita a fine novembre.

Per ora sono ancora disponibili in tutte le librerie e negli store online le prime due parti della mia ‘trilogia felina’. Si può vedere su youtube il promo: https://www.youtube.com/watch?v=gyfsct6g_-Y In ogni caso chiunque, se vuole, può contribuire con una piccola offerta al “progetto borracce” di Assefa. Maggiori informazioni si trovano sulla pagina dedicata del sito dell’associazione con sede a Sanremo: http://www.assefa.org/assefa-dice-no-alla-plastica/ Appuntamento quindi a fine novembre: il nuovo volume vi sorprenderà!”.

Articolo precedente“Nessuno è straniero”, ecco la nuova iniziativa delle Sardine: una scritta di trenta metri per tre sulla passeggiata di Sanremo
Articolo successivoBordighera, il pittore Pino Venditti espone all’Anglicana: 40 opere improntate su luce, aria e acqua