Alessandro Piana

La Giunta regionale della Liguria ha oggi ufficialmente proposto al Consiglio regionale, per l’approvazione, il nuovo piano faunistico-venatorio per la tutela della fauna selvatica, la regolamentazione della caccia e per fornire indirizzi di gestione del territorio e miglioramento degli habitat.

“Il nuovo piano, giunto al termine di un lungo iter culminato con lo svolgimento della valutazione ambientale strategica (VAS), istituisce 80 zone di protezione faunistica – spiega il vice presidente e assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca Alessandro Piana – individua il territorio venabile e lo suddivide in 7 ambiti territoriali di caccia (ATC) e 2 comprensori alpini (CA). Il piano si pone in continuità con le precedenti pianificazioni provinciali, con aggiornamenti operati alla luce dei mutamenti ambientali, delle variazioni nelle popolazioni faunistiche, di revisioni tecnico-scientifiche e normative, sempre nell’ottica di una pianificazione unitaria, che sappia tuttavia preservare le specificità locali. Complessivamente, assieme ai parchi nazionali e regionali e alle altre aree in cui la caccia non è consentita, la superficie tutelata raggiunge il 25,90% del territorio agro-silvo-pastorale della Liguria”.

Articolo precedenteVini Dop e Igp, il vicepresidente regionale Piana: “La nascita del consorzio di tutela per la Liguria dimostra la dinamicità dei produttori e valorizza il territorio”
Articolo successivoDa oggi all’Ariston torna la magia del film al cinema. “Responsabilità e buon senso per tornare alla normalità” dice Walter Vacchino