liguria popolare

Il Gruppo Consiliare di Liguria Popolare parte dal seguente principio: i comuni turistici partecipano al fondo di solidarietà sulla base  della fiscalità determinata dall’IMU delle seconde case ma ricevono dal fondo centrale una quota basata proporzionalmente ai costi per i servizi essenziali. Il Comune quindi deve aumentare le spese per garantire l’attrattività turistica e per assicurare il funzionamento della città che raddoppia e in alcuni casi triplica i residenti nelle stagioni estive o nei periodi estivi. Sanremo, ad esempio, riceve denari per una città da 55mila abitanti ma in estate si trova ad erogare servizi per 120mila persone. 

Avv. Artioli : “Il nostro intervento è orientato a mantenere il gettito fiscale IMU relativo alle seconde case affinché venga riversato solo al 50% anzichè per l’intero. In questo modo rimarrebbero denari freschi nelle casse del comune riequilibrando il rapporto tra Governo ed ente locale”. 

Avv. Bissolotti – Vice Presidente Liguria Popolare: “La proposta vale per Sanremo ma anche per Diano Marina, Rapallo, Santa Margherita, Loano, etc. Insomma per tutti i comuni turistici e con prevalenza di seconde case ed essendo il turismo la spina dorsale dell’economia ligure il nostro intervento assume una connotazione Regionale e troverà il supporto dei nostri Consiglieri Costa, Pisani e Mazza per fare una richiesta puntuale al Governo”. 

L’Avv. Artioli, promotore e primo firmatario dell’Ordine del Giorno, precisa che in questo caso dobbiamo superare i vecchi schemi ideologici che hanno guidato la perequazione dei denari sui comuni anche perché ci sono casi di enti locali che prendono molti denari solo perché gli aggiornamenti catastali non sono stati fatti. In Liguria la situazione è invertita: Sanremo versa al fondo di solidarietà 14,4 ml di euro (su un gettito IMU pari a 35ml circa)  e Milano ne riceve 3 ml  circa. Un paradosso. La giunta Sanremese deve muoversi, la Regione darà supporto, l’Anci essere meno tiepida ed il Governo Centrale deve cambiare questo meccanismo.Liguria Popolare precisa che questo è un intervento concreto per trovare risorse importanti e durature. Cambiando un paradigma avremo un beneficio nel tempo e soldi freschi per i nostri cittadini.  

Articolo precedenteCoronavirus: conclusa la prima fase di consegna gratuita delle mascherine in farmacia, Giampedrone “Dal 13 maggio seconda parte”
Articolo successivoSanremo, il primo consiglio comunale in videoconferenza: approvato il bilancio di previsione 2020