giovanni toti

Il governatore Giovanni Toti commenta con un post sui social il ritorno in zona gialla della Liguria.

“Buongiorno amici, da oggi la Liguria passa in zona gialla. Inizia per tutti noi un percorso di graduale ritorno alla normalità: oggi riacquistiamo una piccola parte delle libertà che ci erano negate, oggi guardiamo risollevarsi alcune delle saracinesche che per tanto tempo sono rimaste chiuse. Purtroppo si ricomincia con una giornata di brutto tempo in diverse zone della Liguria e questo significherà una ripartenza a metà per tanti baristi e ristoratori, che possono servire i loro clienti solo all’esterno. Capisco il rammarico e la frustrazione ed è per questo che avevamo chiesto al Governo non solo di posticipare il coprifuoco ma anche di consentire le consumazioni all’interno dei locali, proprio come avveniva prima in zona gialla. Ci batteremo ancora per questo, ve lo prometto.

Intanto oggi facciamo un primo fondamentale passo verso il futuro, per cui comunque voglio dire grazie. A tutta la nostra sanità, pubblica e privata, che con impegno e dedizione sta lavorando oltre ogni aspettativa alla nostra campagna vaccinale, consentendo alla Liguria di accelerare ed essere la prima regione in Italia per vaccini somministrati sulla popolazione. Ogni loro sforzo ci consente di arrivare un passo più vicini a mettere al sicuro i nostri anziani e le persone più fragili e finalmente sconfiggere il virus. E poi voglio ringraziare tutti i liguri, nessuno escluso, per l’impegno, i sacrifici e la pazienza. La battaglia non è finita, credo che ciascuno di voi lo sappia. Ma quello di oggi può essere un nuovo inizio, per chi torna al lavoro e soprattutto per chi ancora aspetta di riaprire la propria attività, se sapremo essere responsabili e uniti, ancora una volta. Per chi ci sta vicino e per la Liguria. Sono certo che ce la faremo”.

Articolo precedenteGioia e dolore: dopo mesi di chiusura riparte ‘Lo Spazio Vuoto’ ma con la doccia fredda della tassa sulla pubblicità
Articolo successivoCovid, vaccinazioni fascia d’età 60-64 anni: ecco come prenotare