Oggi è il 25 aprile, giorno della Liberazione, una data importante impressa nella memoria che si fa ancora più carica perché è il 75° anniversario e per il periodo attuale in cui ci troviamo.

Abbiamo incontrato l’educatore teatrale Marco Arena, genovese, impegnato in progetti sociali da anni e che ci ha dato la possibilità di mostrare una piccola sintesi di un’intervista inedita rilasciata più di 10 anni fa da Valerio Parodi, partigiano genovese meno conosciuto qua a Ponente, ma che in tempi più recenti fu uno dei pilastri della futura Conad ligure.

“Le cose più belle della vita come sempre accadono per caso,” racconta Marco. “Quando intravidi la possibilità di poter intervistare Valerio la colsi al volo perché ero spinto dal desiderio di ascoltare le parole di chi aveva vissuto un momento così tragico e capire cosa spinge una persona a prendere una decisione simile.”

L’esperienza di partigiano di Valerio Parodi avvenne in giovanissima età e dopo iniziarono le sue battaglie sindacali. Con uno stratagemma fu allontanato e iniziò la sua attività imprenditoriale che lo spinse a credere nella cooperazione commerciale tra piccoli imprenditori per l’allora Conad genovese.

Un racconto emozionante da vedere. Condividiamo ancora un pensiero che era del partigiano Parodi, mancato qualche anno fa, e che sentiamo in questa breve intervista: “Io la speranza la ripongo in voi giovani, in voi giovani ci scommeterrei tutto!”

Nel video l’intervista a Marco Arena e a seguire un estratto di quella a Valerio Parodi.